Home Blog Page 3

Oppo Find N2: primi dettagli sul nuovo pieghevole

0

Il prolifico leaker Digital Chat Station, ha svelato nuovi dettagli su Oppo Find N2, il prossimo smartphone pieghevole realizzato dal produttore.

Secondo il leaker, il pieghevole avrà un display Samsung E6 AMOLED da 5,54 pollici 2120x1080p all’esterno con frequenza di aggiornamento di 120Hz. All’interno, Find N2 presenterà uno schermo da 7,1 pollici 1920x1792px, anche un AMOLED E6 con una frequenza di aggiornamento di 120Hz.

L’Oppo Find N2 avrà un paio di selfie da 32 MP, uno su ogni schermo, oltre a una tripla configurazione della fotocamera sul retro. La fotocamera grandangolare principale sarà la Sony IMX800 da 50 MP (1/1,56″), accompagnata dall’ultrawide da 114 gradi IMX581 da 48 MP e da un teleobiettivo 2x da 32 MP.

Sul fronte dell’autonomia, il pieghevole dovrebbe avere una batteria da 4.520 mAh con ricarica da 67 W e uno Snapdragon 8+ Gen 1. Il reveal ufficiale dovrebbe avvenire in occasione dell’evento Oppo’s Inno Day previsto per il 14 dicembre 2022.

Nello stesso evento dovrebbe esserci anche il pieghevole verticale, l’Oppo Find N2 Flip, che dovrebbe avere un display interno da 6,8″ e uno esterno da 3,26″, secondo DCS , entrambi OLED. La sua fotocamera principale da 50 MP utilizzerà il vecchio sensore IMX766 (il modello più grande avrà invece l’IMX890) e un ultra wide da 8 MP. Questo dovrebbe essere alimentato da una batteria da 4.300 mAh, il chipset potrebbe essere il Dimensity 9000.

Fonte

Nothing Phone si aggiorna, ma Android 13 è sempre lontano

0

L’arrivo di Android 13 su Nothing Phone è ancora lontano, ma nel frattempo il primo smartphone del produttore ha ricevuto un nuovo aggiornamento legato ancora una volta all’ambiente Android 12.

Questo è un aggiornamento che include le patch di sicurezza di ottobre 2022 e novembre 2022.

Il changelog delle modifiche dell’aggiornamento, di seguito, presenta anche miglioramenti per la fluidità generale, una “soglia termica” regolata e una migliore qualità audio nei video.

C’è anche una notevole correzione di bug per un problema che lasciava le notifiche di WhatsApp che non rispondevano sulla schermata di blocco.

Forse l’aggiunta più interessante nell’aggiornamento 1.1.7 di Nothing Phone è il supporto migliorato per Apple AirPods. Questo viene aggiunto in “Funzionalità sperimentali”, ma una volta abilitato, consente al software di mostrare la percentuale di batteria rimanente su AirPods.

Gli utenti segnalano inoltre che questo aggiornamento modifica il riquadro Wi-Fi/dati mobili/hotspot in modo che richieda un solo tocco per l’attivazione dopo questo aggiornamento.

Nuove caratteristiche

  • Ora supporta la visualizzazione della percentuale della batteria per AirPods. Puoi abilitarlo in Impostazioni > Funzionalità sperimentali

Miglioramenti

  • Aggiornato alla patch di sicurezza di ottobre/novembre
  • Fluidità del sistema operativo migliorata e balbuzie ridotte
  • Regolata la soglia termica per bilanciare meglio prestazioni e temperatura
  • Qualità audio migliorata durante la registrazione di video
  • Stato della batteria più accurato

Correzioni di bug

  • Risolto un problema per cui le notifiche di WhatsApp non rispondevano nella schermata di blocco
  • Correzioni di bug generali

Fonte

Xiaomi 13 e MIUI 14 confermati per il 1 dicembre

0

Xiaomi ha finalmente confermato la data di lancio dei suoi prossimi smartphone della serie Xiaomi 13. L’evento di lancio è previsto per giovedì 1 dicembre alle 12:00, ora italiana.

Abbiamo anche laconferma che MIUI 14 sarà annunciato all’evento insieme alla coppia di  Xiaomi 13 e 13 Pro.

Lei Jun di Xiaomi ha condiviso un rendering ufficiale dello Xiaomi 13, che monterà uno schermo OLED piatto con cornici spesse 1,61 mm nella parte superiore e laterale mentre quella inferiore misurerà 1,81 mm. Inoltre, il telefono sarà largo 71,5 mm, rendendolo abbastanza ergonomica da maneggiare con una mano.

Inoltre è confermato che gli Xiaomi 13 monteranno schermi IP68 resistenti all’acqua e alla polvere. Inoltre, Xiaomi ha confermato che lancerà anche il suo smartwatch Watch S2 e gli auricolari Xiaomi Buds 4 TWS, nonché il suo primo PC desktop.

Lei Jun aveva fatto sapere nei giorni che il nuovo flagship di Xiaomi sarà il primo smartphone della società a montare il processore Snapdragon 8 Gen 2.

Il dirigente aveva scritto: “Il nuovo flagship di Xiaomi è il primo ad essere dotato del nuovo Snapdragon 8. Questa volta, il software e l’hardware sono profondamente coordinati per creare un capolavoro annuale di prestazioni ed esperienza.”

Lei non ha menzionato il nome del modello di punta che utilizzerà il nuovo chip, tuttavia diamo abbastanza per scontato che si tratterà della nuova coppia di smartphone Xiaomi 13.

Ricordiamo che Snapdragon 8 Gen 2 è un chip dotato di un core Cortex X-3 Prime che funziona a una velocità di clock fino a 3,2 GHz. Quattro core Performance funzionano a una velocità di clock fino a 2,8 GHz e il chip contiene tre core Efficiency che funzionano a una velocità di clock fino a 2,0 GHz.

Samsung Z Fold 2 riceve Android 13 con One UI 5!

0

Negli ultimi giorni Samsung si è prodigata per portare Android 13 su diversi smartphone, Adesso è il turno di Galaxy Z Flip originale e il Galaxy Z Fold 2, che potranno finalmente contare sulla nuova interfccia One UI 5 basata su Android 13.

Come notato da SamMobile, la variante 5G del Galaxy Z Flip originale sta vedendo il suo primo aggiornamento One UI 5.0 in paesi europei come Germania, Francia, Paesi Bassi, Italia e Polonia. Tuttavia, la variante LTE dello Z Flip, che ha un processore diverso dalla variante 5G, al momento non ha ancora ricevuto l’update.

Il report rileva inoltre che questo potrebbe essere l’ultimo aggiornamento significativo per i Galaxy Z Flip originali, sia per i modelli LTE che 5G. Dal momento che sono stati lanciati tre anni fa con Android 10, questo potrebbe essere l’ultimo aggiornamento significativo per il sistema operativo.

One UI 5 rappresenta l’esperienza mobile Samsung più personalizzata di sempre, progettata per offrire alle persone maggiori opzioni per personalizzare i propri dispositivi esattamente come vorrebbero, e questo inizia con la comunicazione.

Bixby Text Call

La nuova funzione Bixby Text Call consente agli utenti di comunicare nel modo a loro più comodo. Con Bixby Text Call, puoi rispondere alle telefonate semplicemente digitando un messaggio. La piattaforma intelligente di Samsung Bixby converte il testo in audio e lo condivide direttamente con il chiamante sulla linea per tuo conto e ti mostra cosa sta dicendo il chiamante convertendo la sua voce in testo.

Widget 

Oltre a fornire opzioni per curare un aspetto personalizzato per il dispositivo, One UI 5 offre anche nuove funzionalità che aiutano a fare le cose in modo più efficiente. Ad esempio, i widget in One UI 5 sono dotati di nuove interessanti opzioni e la possibilità di mantenere la schermata Home pulita e ordinata con i nuovi widget in pila. Questa nuova funzionalità ti consente di trascinare e rilasciare i widget uno sopra l’altro e scorrere verso sinistra o destra per scorrere rapidamente e facilmente ciascuno di essi, per liberare spazio nella schermata Home e utilizzarlo in modo più efficiente.

Tutti i dispositivi connessi

E’ possibile controllare tutti i dispositivi collegati al tuo smartphone nel nuovo menu Dispositivi connessi, dove potrai accedere a tutte le funzionalità che funzionano con altri dispositivi come Quick Share, Smart View e Samsung DeX. Ora puoi anche accedere facilmente al menu Cambio automatico Buds, che ti consente di passare automaticamente i tuoi Buds da un dispositivo all’altro per un funzionamento più fluido tra i dispositivi.

Privacy e sicurezza

In questa nuova versione della One UI 5, privacy e sicurezza sono sono state riunite in una dashboard chiara e facile da navigare, rcon l’obiettivo di proteggere maggiormente le informazioni sensibili presenti a bordo del dispositivo.

Questa nuova dashboard di Sicurezza e privacy è stata progettata per essere il più semplice possibile per comprendere in modo rapido e semplice lo stato del tuo dispositivo. Con una rapida occhiata, puoi ottenere una rapida panoramica della sicurezza del tuo dispositivo e trovare suggerimenti e avvisi a seconda dello stato.

TIM: arriva l’adeguatamento annuale all’inflazione, come funziona

0

Con un comunicato sul proprio sito web, TIM ha annunciato che a partire dal 27 novembre 2022, le proprie offerte di rete fissa e mobile potranno prevedere l’adeguamento annuale dei prezzi all’andamento dell’inflazione, incrementato di un coefficiente di maggiorazione predeterminato. Ciascuna offerta interessata sarà caratterizzata da una chiara indicazione sulla presenza del suddetto meccanismo di adeguamento annuale dei prezzi, unitamente ad una compiuta descrizione delle relative modalità di applicazione.

Per le offerte in cui sarà previsto l’adeguamento dei prezzi, il costo mensile aumenterà ogni anno in misura pari all’indice di inflazione (IPCA) rilevato dall’ISTAT, non tenendo conto di eventuali valori negativi, maggiorato di un coefficiente fisso pari a 3,5 punti percentuali. L’aumento complessivo, dato dalla somma dell’IPCA e del coefficiente di maggiorazione, non potrà comunque superare il valore del 10%.

La prima variazione annuale del costo mensile delle offerte in questione sarà effettuata a partire dal 1° aprile 2024, con riferimento al valore dell’IPCA rilevato per l’anno solare 2023, aumentato del suddetto coefficiente fisso di maggiorazione di 3,5 punti percentuali, e si ripeterà ogni anno successivo, considerando il valore dell’indice IPCA rilevato dall’ISTAT per l’anno solare precedente.

TIM, entro 15 giorni dalla pubblicazione da parte dell’ISTAT del valore dell’IPCA per ciascun anno di riferimento, pubblicherà sul proprio sito Web uno specifico avviso, recante l’indicazione del valore percentuale dell’aumento che sarà applicato. La variazione del costo mensile sarà, inoltre, comunicata ai clienti interessati, per ciascun anno di riferimento, con un messaggio dedicato.

Fonte

Play Store: adesso è possible archiviare le app sullo smartphone

0

Il Play Store di Android si aggiorna con una nuova e gradita funzione che farà la felicità di coloro che possiedono smartphone dallo spazio di archiviazione particolarmente limitato.

La nuova funzione è in buona sostanza la possibilità di archiviare quelle applicazioni che l’utente ormai non utilizza più, ma senza sacrificare però i dati salvati dell’utente.

Google sveva già introdotto questo concept dell’archiviazione delle app a marzo, ed è pensata appunto per permettere agli utenti di disinstallare un’app tramite il Play Store, ma di fare in modo che i loro dispositivi conservino i dati locali in modo che, se reinstallano l’app, possano tornare senza problemi a l’esperienza che avevano prima della disinstallazione. Si tratta di una funzione particolarmente importante nell’ottica anche di coloro che occasionalmente vogliono provare giochi di grandi dimensioni senza rischiare di cancellare altre app e perdere i dati.

La funzione, che era già stata diffusa per una cerchia ristretta di utenti, adesso può essere provata da tutti scaricando l’aggiornamento v33.4 dell’app Google Play Store. La società afferma di aver iniziato a distribuire l’aggiornamento giovedì, ma dato che le nuove iterazioni di solito arrivano su APK Mirror abbastanza velocemente, potrebbero esserci comunque dei ritardi nella distribuzione a livello globale.

Windows 11: il sottosistema Linux arriva sul Microsoft Store

0

Il sottosistema Windows per Linux (WSL) ha ufficialmente lasciato la fase di preview ed è arrivato sul Microsoft Store.

L’ultima versione di WSL include centinaia di correzioni di bug e miglioramenti. La versione dello store ora è anche la versione predefinita di WSL ed è disponibile sia su Windows 11 che su Windows 10.

WSL è uno strumento popolare tra gli sviluppatori e i fan di Linux perché consente di eseguire Linux all’interno di Windows. Microsoft ha lavorato per integrare WSL In termini di integrazione il lavoro di Microsoft è stato stupefacente e giusto per citare un esempio, adesso gli utenti hanno la possibilità di accedere direttamente al file system WSL tramite Esplora file di Windows.

Linux è popolare, ma è spesso utilizzato da sviluppatori e professionisti IT. Avere la possibilità di eseguire Linux all’interno di Windows libera dai flussi di lavoro ed elimina la necessità di avere più sistemi operativi diversi.

Al momento, l’ultima versione di WSL è disponibile solo per l’installazione manuale. Verrà inviato automaticamente agli utenti come update verso metà dicembre. E’ possibile ottenere l’aggiornamento accedendo all’app Impostazioni di Windows e verificando la disponibilità di aggiornamenti. Il sistema deve essere su Windows 10 versione 21H1, 21H2 o 22H2 o Windows 11 21H2 per poter procedere al download.

La pagina delle versioni di GitHub per WSL può essere usata per installare manualmente la versione più recente.

Ecco le novità introdotte nell’ultima versione di WSL:

  • Puoi attivare il  supporto systemd(si apre in una nuova scheda)
  • Gli utenti di Windows 10 ora possono utilizzare le app GUI di Linux! In precedenza era disponibile solo per gli utenti di Windows 11
  • wsl --install ora include:
    • Installazione diretta da Microsoft Store per impostazione predefinita
    • --no-launch opzione per non avviare la distribuzione dopo l’installazione
    • --web-download opzione che scaricherà la distribuzione tramite la nostra pagina delle versioni di GitHub anziché tramite Microsoft Store
  • wsl --mount ora include:
    • --vhd opzione per semplificare il montaggio dei file VHD
    • --name opzione per semplificare la denominazione del punto di montaggio
  • wsl --import e  wsl --export ora includono:
    • --vhd opzione per importare o esportare direttamente in un disco rigido virtuale
  • Aggiunto  wsl --import-in-place per prendere un file .vhdx esistente e registrarlo come distro
  • Aggiunto  wsl --version per stampare più facilmente le informazioni sulla versione
  • wsl --update ora include:
    • Apertura della pagina di Microsoft Store per impostazione predefinita
    • --web-download opzione per consentire gli aggiornamenti dalla nostra pagina di rilascio di GitHub
  • Migliore stampa degli errori
  • Tutto WSLg e il kernel WSL sono inclusi nello stesso pacchetto WSL, il che significa niente più installazioni MSI aggiuntive!

Fonte

NOW celebra il Black Friday con una promo imperdibile su cinema e TV

0

Anche Sky si unisce al Black Friday proponendo una super offerta imperdibile per coloro che sono intenzione a provare la piattaforma streaming NOW.

Fino al 28 novembre gli utenti avranno la possibilità di acquistare il Pass Cinema ed Entertainment al costo di 1 euro per un mese, anziché 14,98 euro. La promozione è riservata esclusivamente ai nuovi clienti della piattaforma.

Alla fine del periodo di offerta sulla carta verranno addebitati 7,49 euro per Pass Cinema e 7,49 euro per Pass Entertainment al mese. Per evitare addebiti, gli utenti possono comunque disattivare in qualsiasi momento l’offerta e sfruttarla fino alla fine della scadenza per evitare il rinnovo automatico. Per quanto riguarda la condivisione dell’abbonamento, NOW consente la visione fino a due dispositivi in contemporanea.

Abbonarsi ai due pass garantisce la visione di oltre 1000 Film on demand, come Pinocchio, Spider-Man: Far from Home, C’era una volta a… Hollywood, Parasite, produzioni originali Sky come Petra, le Serie TV più amate come House of the Dragon, le produzioni originali Sky come Diavoli e Gomorra, e altri  Show più attesi.

I dispositivi compatibili con NOW

  • Smart TV Samsung*: modelli dal 2015
  • Smart TV LG: WebOs e successivi (ad eccezione dei sistemi WebOS 1.0 2014 e WebOS 2.0 2015 che a partire dal 5 settembre 2022 non saranno più compatibili con l’app NOW)
  • Smart TV Sony BRAVIA: modelli con il sistema operativo Android O (Android 8.x), Android P (Android 9.x), Android 10*
  • NOW Smart Stick – Rendi Smart la tua TV
  • Fire TV Stick 4K Max
  • Apple TV 4K e Apple TV HD
  • NOW Box
  • Vodafone TV
  • Chromecast (ad eccezione di Chromecast Gen 1 2013 che a partire dal 5 settembre 2022 non sarà più compatibile con l’app NOW)
  • Chromecast Ultra
  • Xbox Series X e Series S​
  • Xbox One e One S
  • PlayStation®5
  • PlayStation®4

 

 

 

Twitter in arrivo un nuovo servizio per gli account verificati

0

La prossima settimana debutterà su Twitter un nuovo servizio per evidenziare gli account verificati, con il bollino di diverse colorazioni che evidenzierà la tipologia di account.

Ci scusiamo per il ritardo, lanceremo provvisoriamente Verified venerdì della prossima settimana.

Badge d’oro per le aziende, badge grigio per il governo, blu per gli individui (celebrità o meno) e tutti gli account verificati verranno autenticati manualmente prima dell’attivazione del controllo.

Doloroso, ma necessario.

Nel suo post su Twitter, Musk afferma che i colori funzioneranno in questo modo:

  • Oro per identificare le aziende
  • Grigio per evidenziare i politici e funzionari governativi
  • Blu per per celebrità e altri individui che vogliono evidenziare il loro stato di profilo verificato

Questo significa che la famosa “spunta blu” potrà ancora essere sfruttata dagli utenti per creare profili fake, con il rischio di alimentare il fenomeno delle fake news. La funzione in ogni caso sarà accessibile tramite l’abbonamento Twitter Blue, pagando 8 dollari al mese.

Musk inoltre afferma che tutti gli account verranno verificati addirittura manualmente dall’azienda e questo lascia spazio a non poche perplessità. Gli utenti inoltre potranno aggiungere anche un logo al loro profilo per confermare che lavorano per una determinata azienda, ma non prima della già citata verifica manuale da parte di Twitter (come faranno i dipendenti a gestire manualmente tutte le richieste?).

Microsoft/Activision: la FTC potrebbe bloccare l’acquisizione

0

Secondo il sito Politico, è probabile che la Federal Trade Commission intenti una causa antitrust per bloccare l’acquisizione di Activision da parte di Microsoft, dal valore di 69 miliardi di dollari.

Una causa sarebbe la più grande mossa della FTC sotto la presidenza Lina Khan per frenare il potere delle più grandi aziende tecnologiche nel mondo. Questo potrebbe inoltre mettere in grossa crisi l’acquisizione per Microsoft.

Una causa contro l’accordo non è garantita e i quattro commissari della FTC devono ancora votare contro un reclamo o incontrare gli avvocati delle società. Tuttavia, il personale della FTC che esamina l’accordo è scettico sulle argomentazioni esposte dalla società per giustificare l’acquisizione.

Il report rivela che mancano ancora alcuni passaggi prima che l’autorità di regolamentazione sia pronta ad agire, compreso il voto dei suoi commissari. Se dovesse accadere, significherebbe che l’accordo verrà sottoposto a nuove sfide negli Stati Uniti, nel Regno Unito e nell’UE.

In passato Activision aveva già dichiarato che nel caso in cui l’FTC sarebbe intervenuta per difendere l’acquisizione di Microsoft.

“Siamo impegnati a continuare a collaborare con le autorità di regolamentazione di tutto il mondo per consentire la transazione, ma non esiteremo a lottare per difendere la transazione, se necessario. Qualsiasi suggerimento che la transazione possa portare a effetti anticoncorrenziali è del tutto assurdo. Questa fusione andrà a vantaggio dei giocatori e dell’industria del gioco statunitense, soprattutto perché dobbiamo affrontare una concorrenza sempre più agguerrita dall’estero”.

Fonte

Iliad: l’offerta Flash 120 proposta in sconto per il Black Friday

In occasione del Black Friday, l’operatore Iliad ha deciso di proporre l’offerta Flash 120 al prezzo di 7,99 euro al mese, meno. La tariffa sarà disponibile a questo prezzo fino al 15 dicembre e coloro che la sottoscriveranno avranno il prezzo fisso per sempre.

Il bundle comprende SMS illimitati, minuti illimitati, 120 GIGA in 4G e 7 Gb di traffico dati in roaming nei territori internazionali all’interno dell’Unione Europeo.

Ma non si tratta dell’unica novità, perché sempre in occasione del Black Friday, l’operatore francese ha deciso di modificare la tariffa da 9,99 Euro, che adesso prevede 150 Giga di traffico dati. Come quella da 120 Giga, anche qui sono presenti minuti illimitati, SMS illimitati e 9 di traffico dati in roaming.

Ricordiamo che sul sito di Iliad sono disponibili anche altre tariffe.

Piano dati 300 Giga

L’offerta propone 300 Gb su rete 4G e 4G+, con un costo mensile di 13,99 Euro. Il piano, oltre ai 300 Gb, comprende anche 10 Gb di traffico roaming in Europa e il supporto alla funzione di hotspot per trasformare il cellulare in un router portatile.

Voce

  • Minuti e SMS illimitati
  • 40 MB di traffico per navigare su Internet in 4G o 4G+ (40 MB in roaming in Ue)

La tariffa ha un costo di 4,99 euro al mese per sempre. La SIM ha un prezzo di 9,99 euro una tantum.

 

ASUS Zenbook 17 Fold OLED nominato tra le migliori invenzioni del 2022

0

ASUS ha annunciato che il primo laptop OLED pieghevole da 17,3 pollici al mondo, ovvero lo Zenbook 17 Fold OLED, è stato selezionato come una delle migliori invenzioni del 2022 dal TIME.

Si tratta di un dispositivo decisamente unico nel suo generazione e che sancisce il lancio di una nuova generazione di prodotti marchiati Zenbook. Questo infatti è dotato di uno schermo in grado di piegarsi al centro.

Inizialmente, Asus ha presentato il suo Zenbook 17 Fold OLED al CES 2022 di Las Vegas a gennaio, ma solo adesso la società ha comunicato il prezzo di lancio definitivo e le caratteristiche.

Nonostante il suo formato particolare, l’Asus Zenbook 17 Fold OLED ci offre una scheda tecnica piuttosto interessante. Il suo touch screen 4:3 17,3 pollici 2,5K OLED 60 Hz con una definizione di 2560 x 1920 pixel può essere piegato in due parti uguali di 12,5 pollici . Il suo aspetto pieghevole non lo rende comunque un pessimo schermo, dal momento che troviamo una luminosità massima di 500 nits , supporto al 100% per DCI-P3 , HDR e Dolby Vision o un tempo di risposta di 0,2 ms. Secondo Asus, lo schermo supporterebbe “solo” 30.000 aperture e chiusure , ben lontane dalle 200.000 pieghe fornite dal Galaxy Z Fold 4. Tuttavia, questo dovrebbe consentire di usarlo in media 6 volte al giorno per 9 anni.

Il PC è alimentato da un processore Intel Core i7-1250U, 16 GB di RAM LPDDR5 a 5200 MHz e 1 TB di spazio di archiviazione. Per la parte GPU, nessuna scheda grafica discreta, il computer si affida all’Intel Iris Xe . L’Asus Zenbook 17 Fold OLED è alimentato da una batteria da 75 Wh, sufficiente per fornire una lunga autonomia per tutto il giorno. Inevitabilmente, il computer sarà molto più resistente quando è piegato rispetto a quando viene utilizzato lo schermo intero. Asus promette fino a 9,5 ore in modalità laptop da 12,5 pollici e fino a 8,5 ore in modalità desktop da 17,3 pollici.

Lato connettività, il PC portatile offre Wi-Fi 6E, Bluetooth 5.2 e due porte USB-C Thunderbolt 4 compatibili con la ricarica rapida da 65 W oltre un jack da 3,5 mm. Tutto è finalmente in un dispositivo abbastanza compatto, che pesa solo 1,5 kg senza tastiera, e 1,8 kg con la tastiera.

Asus offre diverse modalità per utilizzare il proprio computer. Troviamo la modalità desktop, dove lo schermo si spiega in orizzontale con la tastiera posta davanti, una modalità laptop dove è possibile agganciare magneticamente la tastiera alla metà inferiore dello schermo, una modalità tablet, una modalità di supporto lettura o visualizzazione (schermo piegato con tastiera staccata) e infine una modalità widescreen (Windows 11 con orientamento verticale). Il laptop è proposto al costo di 3999 euro.