Xiaomi Mi A1 puntuale negli aggiornamenti: ecco le patch di sicurezza di aprile

Xiaomi Mi A1 puntuale negli aggiornamenti: ecco le patch di sicurezza di aprile

Le voci attorno al possibile debutto del modello di nuova generazione continuano ad infittirsi, eppure non si placa di certo l’interesse attorno allo Xiaomi Mi A1. Non fosse altro per un prezzo di listino in continua discesa e, soprattutto, per l’unicità del progetto Android One, impreziosito da aggiornamenti costanti e patch di sicurezza a ritmo pressoché mensile. Certo, l’esperienza occorsa nelle settimane precedenti ha fatto un po’ storcere il naso alla nutrita schiera di possessori, costretti a far fronte a tutta una serie di problematiche (in special modo di autonomia) contestualmente al rilascio di Android 8.0 Oreo.

E’ comunque incoraggiante sapere che Xiaomi Mi A1 può vantare un supporto software puntuale e spalmato nel tempo, e in tal senso una conferma viene offerta proprio in queste ore a seguito della distribuzione delle patch di sicurezza Android di aprile, iscritte per l’occasione in un apposito aggiornamento di sistema caratterizzato da un peso specifico di ben 262,6 megabyte. Il peso specifico dell’update – già in corso di rilascio a mezzo OTA (Over The Air) – è infatti sintomo evidentissimo di un lavoro condotto da Xiaomi a più ampio raggio e improntato, come peraltro rimarcato senza indugi dal changelog ufficiale, verso una correzione di bug e miglioramenti generali alle prestazioni.

Le magagne software dei primi scampoli del 2018 sono insomma un lontano ricordo e Xiaomi Mi A1 può adesso metter in mostra tutte le proprie potenzialità, corroborate per l’occasione da un sistema operativo leggero e senza troppi fronzoli. Peccato soltanto che l’aggiornamento in questione abbia lasciato intatta la versione del software (Android 8.0 Oreo, nello specifico, in luogo del più recente 8.1 già distribuito su alcuni smartphone della concorrenza, come il nuovo e diretto rivale Nokia 6.1 2018): ci saremmo aspettati in fondo un allineamento all’ultima release di Google, conformemente al progetto Android One. Nessun dubbio comunque circa il futuro approdo di Android P, confermato da Xiaomi in sede di presentazione del suo smartphone con a bordo Android stock. Ancora attualissimo nonostante i diversi mesi alle spalle.