ho. mobile: il nuovo operatore low-cost di Vodafone che sta sbaragliando la concorrenza

ho. mobile: il nuovo operatore low-cost di Vodafone che sta sbaragliando la concorrenza

Prosegue con successo la straordinaria offerta ho. mobile che da circa un mese sta letteralmente sbaragliando la concorrenza con un’iniziativa a dir poco strepitosa. Nell’offrirvi un resoconto della proposta, con tutte le informazioni necessarie a valutare l’eventuale cambio di operatore, teniamo a precisare che essa scadrà alla mezzanotte del 31 luglio prossimo! Dunque leggete con attenzione quanto stiamo per sottoporvi e…  fate la scelta giusta!

L’italianissimo marchio ho. mobile opera come gestore virtuale di telefonia mobile (ESP MVNO), e al momento sta facendo impazzire il web con la sua offerta di debutto, pensata per coloro ancora ancorati alle vecchie tariffe e desiderosi di liberare il proprio portafogli da antiche zavorre. La promozione può aver luogo sia mantenendo la precedente utenza, sia registrandone una ex novo.

Notizie su ho.mobile

Il servizio è stato lanciato il 25 giugno scorso, dunque poche settimane dopo l’arrivo in Italia del vettore francese Iliad, ma l’azienda cui esso fa capo ufficialmente (la VEI S.r.l. , dove VEI sta per “Vodafone Enabler Italia“) sussiste già dal gennaio del 2017 ed è, per l’appunto, un operatore low-cost di Vodafone Italia.

L’offerta

L’offerta messa in campo da ho. mobile, che può essere attivata entro e non oltre – salvo ovviamente proroghe – il 31 luglio 2018, appare qualcosa di incredibilmente allettante prevedendo, con un contributo iniziale di 9,99 euro per il costo della SIM card (più 7 euro per il primo canone), minuti ed SMS illimitati più 30 GB di traffico dati a soli 6,99 euro al mese.

Offerta-ho
Offerta-ho-mobile

Ma non finisce qui, perché nel pacchetto sono anche inclusi gratuitamente l’avviso di chiamata, il 42121 per verificare il credito residuo, l’SMS “ho.chiamato”, la possibilità di interpellare il servizio di assistenza clienti gratuitamente anche da utenze provenienti da altri operatori (per questa casistica è stato messo a disposizione, in luogo del contatto ho. mobile ufficiale 192121, il numero verde 800688788), e infine la navigazione hotspot.

Cosa succede al termine del traffico dati?

Quando finiscono i gigabyte, l’utente può anche soprassedere per l’arco di tempo che riterrà opportuno prima di ripristinare l’offerta – con identico canone – e dunque riprendere a navigare. Ottimo, inoltre, il fatto che i servizi che di norma prevedono un sovrapprezzo, come numeri premium o i vari abbonamenti a tool multimediali a cui non si è quasi mai interessati ma che spesso ci si vede attivare inconsapevolmente magari a causa di semplici sfioramenti involontari di pulsanti o immagini presenti sul display e a essi correlati, siano bloccati e non si rischi di ritrovarsi in addebito le esose tariffe che puntualmente vengono applicate all’utente ignaro della dinamica.

Ciliegina sulla torta il call center presente in Italia, la community online realizzata con l’aiuto dei clienti “ho.fficina” a cui chiedere assistenza in caso di necessità, e un’app ho. disponibile per Android e iOS che consente di gestire agilmente l’offerta nonché di ricaricare il credito e monitorare il consumo di voce e dati.

ho.fficina
ho.fficina

Se vi state chiedendo quale sia la qualità di connessione del vettore, sappiate che la rete mobile ho. copre il 99% del territorio italiano, di cui il 98% con la rete 4G, e offre un tetto massimo di velocità in download di 60 Mbps e di 52 Mbps in upload. Dati che potrebbero apparire modesti, magari se confrontati ai valori dell’attuale diretto concorrente Iliad che sembra garantire tranquillamente il superamento di dette soglie (arrivando a sfiorare in alcuni casi persino i 100-150 Mbps in download), ma pur sempre decisamente nutriti per qualunque utilizzo si voglia fare della rete. Senza contare che ho. mobile non risente della distanza dai centri abitati, e anche in luoghi isolati le velocità di connessione permangono pressoché fedeli allo standard a differenza di Iliad le cui prestazioni, nelle medesime circostanze, iniziano a subìre un certo declino e il segnale inevitabilmente a indebolirsi.

Ma come avere una SIM con ho. mobile?

Per avere una SIM ho. mobile si può procedere sia online, e riceverla direttamente a casa (in questa eventualità l’attivazione avviene attraverso una videochiamata in-app con un operatore certificato che identifica il cliente e rilascia una firma elettronica qualificata), sia recandosi in uno dei 3000 punti vendita autorizzati alla transazione. A tal proposito precisiamo che il servizio non dispone di un negozio ufficiale specifico, ma i centri abilitati sono comunque localizzati capillarmente in tutta Italia e reperibili attraverso la seguente mappa:

Punti vendita
Punti vendita

Se si decide di procedere online, si sappia che attualmente la disponibilità delle SIM card distribuite giornalmente al pubblico è alquanto limitata, e spesso non è possibile accaparrarsene una poiché il quantitativo previsto termina già a distanza di poco tempo dallo scadere della mezzanotte del giorno precedente. Fortunatamente, nel caso non si riesca ad “aggiudicarsi” l’ambìto bottino sul sito dell’operatore, è anche possibile prenotare la scheda inserendo – sempre sul sito online – tutte le generalità del caso e prelevando la stessa presso un’edicola tra quelle aderenti all’iniziativa del network PrimaEdicola.it (e ce ne sono veramente in grande quantità in ogni città). Una volta ottenuta la SIM è poi possibile ricaricare all’occorrenza il credito residuo tramite il sito ho-mobile.it o tramite l’app mobile dedicata. Se si preferisce, invece, eseguire l’operazione fisicamente, sono a disposizione del cliente i punti vendita multimarca sopracitati, ricevitorie e bar collegati alla rete di Lottomatica Italia Servizi, tabaccherie, edicole e punti vendita SisalPay abilitati.

Ma l’offerta, lo ribadiamo, è valida soltanto fino al 31 luglio 2018 e dunque vi consigliamo vivamente di attivarvi il prima possibile se siete interessati a farla vostra!