Apple: sospesa l’introduzione dei pagamenti esterni da App Store

A settembre, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Yvonne Gonzalez Rogers ha stabilito che Apple stava violando la legge costringendo i clienti a pagare solo per app e articoli in-app tramite l’Apple App Store. Come parte della sentenza, Gonzalez Rogers ha concesso ad Apple 90 giorni per consentire più opzioni di pagamento nel suo negozio. È stata l’unica azione a favore di Epic Games, che sta cercando di vincere una causa secondo cui Apple ha il monopolio su come vengono elaborati i pagamenti nei giochi mobili.

Come vi avevamo riportato Apple aveva fatto ricorso chiedendo alla corte d’appello di sospendere l’esecuzione emessa nella sentenza e in questi giorni la casa di Cupertino è riuscita effettivamente a spuntarla vincendo il ricorso. Ciò significa che Apple può ritardare l’aggiunta di ulteriori opzioni di pagamento nelle sue app e nei negozi in-app. Nella nota, apprendiamo che la sospensione non inverte la precedente sentenza. Mette semplicemente in attesa l’esecuzione del giudice Gonzalez fino a quando i tribunali non potranno ascoltare completamente il caso, il che probabilmente richiederà mesi. Fino ad allora, Apple può mantenere l’App Store di Apple come unica fonte di acquisti in-app.

Si tratta di una vittoria temporanea, ma comunque significativa all’interno di questa lunga battaglia destinata a tenere banco ancora per molti mesi.

Fonte

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa

h1, h2, h3, h4, h5, h6 { font-family: 'Roboto', sans-serif; color: #81D743; font-weight: 400; margin: 6px 0; }