TikTok: ultimatum prolungata di tre mesi

TikTok: ultimatum prolungata di tre mesi

Prosegue il caso del ban di TikTok negli Stati Uniti, che a quanto pare beneficerà di una ultimatum da parte del governo americano che concederà tre mesi di tempo al gruppo ByteDance per liberarsi dell’applicazione.

Scaduti i tre mesi ByteDance non dovrà più essere in possesso di: tutti i beni materiali e immateriali necessari per il funzionamento di TikTok negli Stati Uniti e i dati degli utenti americani.

Questo prolungamento potrebbe permettere al gruppo di chiudere le trattative avviate con Microsoft per l’acquisizione di TikTok.

Secondo le ultime indiscrezioni Microsoft avrebbe intenzione di inglobare l’azienda nella sua interezza per estenderne il controllo anche in Europa e India. L’indiscrezione in questo caso è stata riportata dal Financial Times, tuttavia i diretti interessati non hanno confermato o smentito.

TikTok intanto ha è pronta ad aprire una battaglia legale contro il governo degli Stati Uniti, che si sarebbe anche intromesso nelle trattative tra il gruppo e Microsoft. Tutto sarebbe stato messo in moto senza la presenza di prove a confutare le accuse rivolte dagli USA al gruppo cinese.

Nella nota si legge:

Ci siamo dovuti confrontare con un’Amministrazione che non ha considerato i fatti, ha dettato i termini di un accordo senza attenersi alle normali procedure legali e ha tentato di intromettersi nelle trattative tra due aziende private.

Intendiamo quindi utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione al fine di assicurare che non venga messo a rischio lo stato di diritto e che tanto la nostra azienda quanto i nostri utenti siano trattati in modo equo: se non dal Governo degli Stati Uniti, allora dai suoi tribunali.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.