Pericolo malware da falsi Installer di Windows 11

Pericolo malware da falsi Installer di Windows 11

Se si ha intenzione di installare Windows 11 è consigliabile farlo attraverso fonti ufficiali. È delle ultime ore la notizia (riportata da Kaspersky) secondo la quale le persone che stanno utilizzando metodi alternativi per ottenere Windows 11 sono anche state prese di mira da potenti e pericolosi malware.

Più nello specifico parliamo di un file dannoso chiamato 86307_windows 11 build 21996.1 x64 + activator.exe. Sulla base del nome del file si può evincere che includa la build 21996.1 di Windows 11 e inoltre ci sarebbe qualcosa che attiverebbe automaticamente Windows per l’utente. Il file pesa circa 1,75 GB dunque un peso legittimo per un aggiornamento di tale portata, il che implica una difficoltà ancora maggiore nel riconoscere la fonte malevola. Una volta scaricato il file comparirà una finestra  con un normale Installer, e poi un secondo chiamato “download manager”. Se si accettano gli accordi il computer del malcapitato sarà inondato di malware.

Al momento è possibile scaricare in tutta sicurezza l’aggiornamento attraverso Windows Insiders. Tuttavia, Microsoft ha aumentato notevolmente i requisiti per il nuovo sistema operativo; è necessario un processore Intel di ottava generazione o di un AMD Zen 2 o più recente. Questo sta portando le persone con vecchi PC alla ricerca di modi alternativi di installare Windows 11.

La schermata di installazione del malware.

Non è impossibile da fare se si è esperti, tuttavia questo porterà quasi sicuramente ad avere problemi di malware, soprattutto se le fonti dalle quali si prendono le risorse non sono attendibili. In rete esistono moltissime guide che possono aiutare in tal senso, una di queste reperibile su XDA.

I malware possono essere qualsiasi cosa: un adware o un virus Trojan. Gli adware di solito sono i meno pericolosi, poiché sono solo malware che hanno lo scopo di iniettare il PC con diverse pubblicità invadenti. I virus invece possono essere più problematici, e può essere più difficile sbarazzarsi di loro.

 

Leggi anche: