Netflix chiude il 2022 in positivo, il blocco sulla condivisione delle password è imminente

Il quarto trimestre di Netflix è stato senza ombra di dubbio uno dei migliori dello scorso anno.

Netflix ha aggiunto milioni di abbonati in più nel quarto trimestre rispetto a quanto previsto da Wall Street, contribuendo a far salire le azioni dello streamer dopo i risultati molto altalenanti che hanno caratterizzato la piattaforma nel 2022.

La società ha anche rivelato che il co-CEO Reed Hastings si sarebbe dimesso dalla sua posizione per passare alla carica di presidente esecutivo. Greg Peters, chief operating officer dell’azienda, è stato promosso a co-CEO insieme al già affermato Ted Sarandos.

Durante l’ultimo trimestre la società ha visto l’ingresso di ben 7,66 milioni di spettatori rispetto ai 4,57 milioni di abbonati cheerano stati stimti dagli analisti.

A venir meno è stato l’utile per azioni, circa 12 centesimi contro i 45 che avevano previsti gli analisti. Netflix ha mancato l’obiettivo in gran parte a causa di una perdita relativa al debito denominato in euro, ma i suoi margini del 7% hanno comunque superato le aspettative di Wall Street. Il deprezzamento del dollaro USA rispetto all’euro durante il quarto trimestre non è una perdita operativa.

Questo è il primo trimestre in cui il nuovo servizio supportato da pubblicità è incluso nei risultati degli utili. La società ha lanciato questo livello più economico a novembre, ma non ha rivelato quale parte dei nuovi abbonamenti provenga dagli utenti che hanno optato per questo servizio.

Durante la telefonata sugli utili preregistrati della società, Netflix ha affermato di aver visto un coinvolgimento paragonabile da parte dei suoi nuovi membri di livello pubblicitario come ha visto con i suoi consumatori abituali. Inoltre, ha notato che non ha visto un numero significativo di persone cambiare piano. Pertanto, coloro che si abbonano alle sue offerte premium e più costose raramente passano al modello più economico supportato da pubblicità.

Netflix inoltre ha annunciato che a partire da quest’anno non comunicherà più le stime sulla potenziale crescita di abbonati trimestrali per concentrarsi sul fatturato.

La condivisione delle password verso il capolinea

Netflix Entro la fine del primo trimestre prevede di bloccare il fenomeno della condivisione delle password, che una larga fetta di utenza sfrutta per risparmiare sui costi degli abbonamenti.

“Man mano che implementiamo la condivisione a pagamento, gli abbonati in molti Paesi avranno anche la possibilità di pagare un extra se desiderano condividere Netflix con persone che non vivono insieme a loro”.

La piattaforma ha già messo in conto il fatto che si presenterà una flessione degli abbonati che non intendono accettare la nuova gestione dei profili. Il rischio di perdere abbonati è stato quindi già preso in considerazione, ma Netflix è convinta che la situazione andrà a normalizzarsi dopo una fase iniziale.

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa