Microsoft senza confini: in futuro ci saranno videogiochi nativi per il cloud

Microsoft senza confini: in futuro ci saranno videogiochi nativi per il cloud

L’impegno di Microsoft nei confronti del cloud e il gioco streaming senza confini e senza vincoli agli hardware è uno dei suoi punti centrali nella strategia comunicativa che sta caratterizzano Xbox Game Pass e XCloud.

In queste settimane l’azienda ha già dichiarato che entro la fine del 2021 ci saranno importanti novità relative al cloud, come l’arrivo del servizio su console, nonché un mezzo per arginare  il problema degli hardware datati, come sarà nei prossimi anni per Xbox One, che potrà riprodurre certe produzioni esclusivamente in streaming.

Il piano però sembra ancora più ambizioso, almeno stando alle ultime dichiarazioni di Kim Swift, la nuova direttrice della sezione Cloud Gaming di Microsoft, che durante una delle ultime interviste rilasciate per Polygon ha confermato che l’impegno dell’azienda non è solo quello di portare il cloud laddove non arrivano le console, ma anche di svilupparre titoli nativi per esso.

Sulla falsariga di quello che doveva essere il progetto di Stadia, clamorosamente affondato in tempi recenti, Microsoft intende produrre dei videogiochi disegnati senza i vincoli dell’hardware di riferimento, che almeno in questa generazoone dovranno rispondere alle specifiche di Xbox Series X.

Se attualmente il catalogo di Game Pass Ultimate propone produzioni già presenti su console e giocabili su smartphone e tablet grazie alla potenza dello streaming, nei prossimi anni Microsoft potrebbe proporre un mix delle due cose con quelli che potremmo chiamare degli XCloud Originals (nome inventato da noi sul momento, non fatevi strane idee).

Kim Swift è entrata proprio nel mese giugno all’interno dello studio e si tratta di una veterana del settore che in precedenza stava proprio lavorando in Stadia per lo sviluppo di titoli first party per la piattaforma streaming, ricoprendo anche il ruolo di Game Design Director. Decisamente non l’ultima delle arrivate.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.