Microsoft rivela ulteriori dettagli di Edge: estensioni di Chrome in arrivo?

Microsoft rivela ulteriori dettagli di Edge: estensioni di Chrome in arrivo?

Il nuovo browser Microsoft Edge, basato su Chromium, intende supportare le estensioni Chrome esistenti. Un membro del team di sviluppo del software ha confermato su Reddit l’indiscrezione e se fosse vero, sarebbe una buona notizia per tutti coloro che si affidano alle migliaia di estensioni della libreria di Chrome, che aggiungono numerose funzionalità aggiuntive al browser.

È nostra intenzione supportare le estensioni Chrome esistenti

Sono le parole del responsabile del progetto Edge Kyle Pflug, in risposta a una serie di domande su come funzionerà il nuovo browser, che Microsoft ha intenzione di lanciare.

Intendiamo portare la prossima versione di Microsoft Edge a tutti i dispositivi Microsoft.

Al di fuori del supporto alle estensioni, Pflug ha anche confermato che l’intenzione attuale del team è di portare il nuovo browser su ” tutti i dispositivi Microsoft”. A tal proposito, sarebbe interessante vedere come il browser possa interagire con Xbox One o con Hololens di Microsoft.

Infine, il project manager di Microsoft, fornisce un’indicazione su come funzioneranno le applicazioni web progressive (PWA). Queste sono app create per assomigliare a pezzi di software nativi che utilizzano un wrapper per i contenuti web. Pflug ha confermato che il team è al lavoro per supportare l’installazione di PWA direttamente dal browser (come fa Chrome) e anche dal Microsoft Store (l’approccio attualmente favorito da Edge). Pflug ha anche confermato che il team intende continuare a supportare EdgeHTML / Chakra in modo da non interrompere le vecchie app PWA che ancora fanno affidamento sul suo vecchio motore.

Da queste dichiarazioni sembrerebbe che il futuro di Microsoft Edge sia più roseo che mai, ma intendiamo utilizzare ancora il condizionale vista la natura delle dichiarazioni che, anch’esse tendono al voler fare e non al si farà sicuramente. Ci auspichiamo che non ci siano incidenti di percorso e che Microsoft possa davvero consegnare agli utenti un browser degno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.