iOS 12 sarà ancora supportato da iPhone 5s

iOS 12 sarà ancora supportato da iPhone 5s

Cercando all’interno di alcune discussioni nella mailing list di WebKit, MacGeneration avrebbe individuato alcuni riferimenti a iOS 12. In particolare, uno sviluppatore ha riportato alcuni test di una build di WebKit in esecuzione su un simulatore iPhone 5s. Basandoci su quanto mostrato, con tutta probabilità iOS 12 sarà ancora compatibile con iPhone 5s, a differenza di quanto era successo con iPhone 5, che invece non supporta iOS 11, introdotto lo scorso anno.

Seguendo la scaletta della compagnia di Cupertino, questa è la prima volta che Apple mantiene un iPhone di 4 anni all’interno della sua gamma di smartphone compatibili, dopo aver rimosso iPhone 4 e iPhone 5 rispettivamente da iOS 9 e iOS 10. Questo potrebbe tradursi in una minore pesantezza dei propri sistemi operativi o nel fatto che iPhone 5s presenta ancora componenti in grado di gestire software avanzati.

iOS 12 disponibile su iPhone 5s o iPhone SE?

Vale anche la pensa sottolineare che sebbene il dispositivo sarà in grado di aggiornarsi a iOS 12, non significa che necessariamente sarà dotato di tutte le funzionalità. Infatti, a seconda delle capacità di elaborazione dell’hardware, Apple potrebbe disabilitare in modo selettivo alcuni aspetti di iOS 12. È anche plausibile che il simulatore in questione non si riferisca ad iPhone 5s, in quanto la risoluzione del suo schermo è le stessa dell’iPhone SE, introdotto 2 anni dopo.

La natura open-source di WebKit ha visto svanire diverse funzionalità su scala ridotta delle imminenti funzionalità iOS. Ciò accade perché gli ingegneri di Apple inviano codici e test alla repository senza rimuovere tutti i bit che non sono ancora di dominio pubblico. Ad esempio, prima di iPhone 6s, i componenti di anteprima dei link parzialmente implementati apparivano in WebKit open source prima che il 3D Touch e le funzionalità Peek and Pop venissero annunciati ufficialmente.

Basandosi su questi codici, MacGeneration ha anche scovato alcuni riferimenti API privati che saranno disponibili in modo condizionale nelle versioni iOS 12 e macOS 10.14. In modo piuttosto evidente, la revisione del codice ha evidenziato che queste annotazioni sulla disponibilità non dovrebbero utilizzare nomi che rivelano le versioni di iOS non pubblicate in codebase pubbliche.

Fonte: appleinsider