Green Pass: arriva l’app obbligatoria per gli esercenti, ecco come funziona

Green Pass: arriva l’app obbligatoria per gli esercenti, ecco come funziona

A partire dal 6 agosto scatterà l’obbligo del Green Pass per accedere ad alcune delle principali attività della vita quotidiana e sociale.

Coloro che sono vaccinati dovranno infatti essere in possesso del Green Pass, un documento digitale o cartaceo che certifica la vaccinazione. Ovviamente gli esercenti dovranno a loro volta adeguarsi alla normativa con l’applicazione dedicata che permetterà di verificare la certificazione del Green Pass.

L’app è stata realizzata dal Ministero della Salute, il quale ne ha anche illustrato il corretto funzionamento e cosa rischia l’esercente nel caso in cui decidesse di non adottare l’app per verificare il Green Pass.

Come funziona l’app VerificaC19

VerificaC19 è il nome ufficiale dell’applicazione creata dal Ministero della Salute ed è disponibile gratuitamente per tutti i dispositivi presenti sul mercato, anche smartphone e tablet, iOS o Android. 

  1. La Certificazione è richiesta dal verificatore all’interessato che mostra il relativo QR Code (in formato digitale oppure cartaceo).
  2. L’App VerificaC19 legge il QR Code, ne estrae le informazioni e procede con il controllo del sigillo elettronico qualificato.
  3. L’App VerificaC19 applica le regole per verificare che la Certificazione sia valida.
  4. L’App VerificaC19 mostra graficamente al verificatore l’effettiva validità della Certificazione nonché il nome, il cognome e la data di nascita dell’intestatario della stessa.

L’interessato, su richiesta del verificatore, esibisce un proprio documento di identità in corso di validità ai fini della verifica di corrispondenza dei dati anagrafici presenti nel documento con quelli visualizzati dall’App.

Cosa rischia l’esercente?

Nel momento in cui l’esercente favorisce l’ingresso di un cliente sprovvisto di Green Pass, può incorrere in una sanzione che va dai 400 ai 1000 euro. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni.

VerificaC19 su IOS (LINK)

iPhone con iOS versione 12.1 o superiore. In alcuni casi potrebbe essere necessario aggiornare iOS all’ultima versione disponibile prima di effettuare il download di VerificaC19. I modelli di iPhone che supportano iOS 12.1 o superiori sono i seguenti: 12, 12 Pro Max, 12 Pro, 12 Mini, 11, 11 Pro, 11 Pro Max, Xr, Xs, Xs Max, X, SE (2nd generation), 8, 8 Plus, 7, 7 Plus, 6s, 6s Plus, SE (1st generation), 6, 6 Plus, 5S.

VerificaC19 su Android (LINK)

Android versione 8 (Oreo, API 26) o superiore. In alcuni casi potrebbe essere necessario aggiornare Android all’ultima versione disponibile prima di effettuare il download dell’applicazione.

Chi sono gli operatori che possono verificare la Certificazione

  1. I pubblici ufficiali nell’esercizio delle relative funzioni.
  2. Il personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi iscritto nell’elenco di cui all’articolo 3, comma 8, della legge 15 luglio 2009, n. 94.
  3. I soggetti titolari delle strutture ricettive e dei pubblici esercizi per l’accesso ai quali è prescritto il possesso di certificazione verde COVID-19, nonché i loro delegati.
  4. Il proprietario o il legittimo detentore di luoghi o locali presso i quali si svolgono eventi e attività per partecipare ai quali è prescritto il possesso di certificazione verde COVID-19, nonché i loro delegati.
  5. I gestori delle strutture che erogano prestazioni sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali per l’accesso alle quali in qualità di visitatori sia prescritto il possesso di certificazione verde COVID-19, nonché i loro delegati.