Google Drive ci aiuterà di più grazie all’intelligenza artificiale

Google Drive ci aiuterà di più grazie all’intelligenza artificiale

Google Drive dovrebbe darci una mano nel prossimo futuro grazie al miglioramento della ricerca dei file, che impiegherebbe meno tempo di quanto ne occorre ora. La ricerca migliorerà grazie all’introduzione dell’intelligenza artificiale che permetterà all’applicazione l’apprendimento automatico. 

Attualmente la nuova versione beta del software, che integra appunto l’intelligenza artificiale, sarebbe in test presso i laboratori Google con l’obiettivo di avere un’applicazione finale che possa aiutare gli utenti che giorno per giorno utilizzano google drive.

Prioritario è l’obiettivo di salvare i file più importanti in un unico posto. Usando l’apprendimento automatico, identifichiamo i file per i quali hai una priorità elevata. Quando apri la pagina, questi file vengono visualizzati insieme ai commenti e alle azioni suggerite.

I nostri studi mostrano che la maggior parte degli utenti lavora solo con circa 10-20 file alla volta. Le aree di lavoro ti aiutano ad arrivare a questi file in modo più efficiente. Per creare il tuo spazio di lavoro, puoi utilizzare i suggerimenti dei file intelligenti di Drive o aggiungere manualmente i file.

Dunque si è pensato ad una soluzione con degli spazi di lavoro appositi, dove solo alcuni file vengono correlati, in base a dei criteri che possono essere ad esempio il loro utilizzo o il tempo che gli dedichiamo. Sicuramente per Drive saranno considerati file importanti quelli che apriamo più spesso di altri e quelli che restano aperti per un tempo maggiora al tempo dedicato ad altri, e altri fattori che non sono stati definiti. 

Per ora, le nuove funzionalità sono disponibili solo per gli utenti di G Suite, ma saranno rilasciate a breve anche per gli utenti standard. Attendiamo l’aggiornamento per capire se effettivamente Google Drive ci aiuterà di più oppure no.