Fintech spopola: 14 milioni di italiani usano lo smartphone per gestire il proprio denaro

Fintech spopola: 14 milioni di italiani usano lo smartphone per gestire il proprio denaro

A giugno 2019 erano 13,7 milioni gli italiani che gestivano il loro denaro tramite smartphone (app bancarie e di servizi fintech). Rispetto al pari periodo dello scorso anno il loro numero è cresciuto del 31%. È quanto emerge dal report Nielsen eFinance che da oltre 15 anni monitora l’evoluzione del posizionamento di banche, assicurazioni e player specializzati sui canali digitali. L’indagine integra le informazioni rilevate tramite i panel Nielsen con una survey su 1.500 individui rappresentativi della popolazione online.

Gli utenti che hanno utilizzato almeno una applicazione di servizi fintech sono 10,2 milioni. Di questi, 4,3 milioni ha utilizzato il proprio smartphone per pagare in punti vendita (bar, ristoranti, negozi). A effettuare smart payment sono principalmente uomini (56%) di età compresa tra i 18 e i 34 anni (59%). I dati, dunque, parlano chiaro: milioni di italiani preferiscono gestire il proprio denaro tramite smartphone.

Ma che cos’è la Tecnofinanza e di cosa si occupa?

La FinTech o, appunto, Tecnofinanza, è una macrocategoria che riunisce tutte quelle innovazioni tecnologiche che stanno rivoluzionando l’intero panorama finanziario.

Alla categoria della Tecnofinanza appartengono tutte quelle novità che hanno rivoluzionato le modalità di acquisto, le modalità di richiesta per prestiti diretti, le modalità di gestione dei vari scambi in cripto valuta ed ancora le App dedicate alla gestione del budget personale o di quello familiare, al management o all’incremento del risparmio ed ancora quelle App o quei sistemi automatizzati che permettono di interfacciarsi in maniera innovativa con operatori di credito ed istituti bancari tradizionali.

Le traduzioni pratiche della Tecnofinanza sono molteplici; in Italia, secondo i dati forniti da Repubblica, il 25% della popolazione compresa tra la maggiore età ed i 74 anni ha utilizzato almeno una volta un servizio FinTech.

Ovviamente un settore in così rapida crescita ed ancora relativamente poco esplorato è destinato ad attirare diverse Start-up che rappresentano la forma societaria perfetta sia per esplorare le potenzialità di questo mercato che per accoglierne i benefici. Per quanto riguarda invece imprese già affermate e più ramificate la FinTech rappresenta la possibilità di raggiungere nuovi clienti od aumentare il numero di acquisti degli affezionati tramite app dedicate o nuove modalità di acquisto ed e-commerce.

Quella del FinTech è una vera e propria rivoluzione che sta impattando sul mondo delle banche e della finanza tradizionale, compreso il suo futuro.

Fintech

Cosa sono i servizi finanziari e perché sono importanti?

I servizi finanziari sono uno dei settori più importanti nel sistema economico. Si tratta di un’ampia gamma di attività che hanno in comune il fatto di offrire, a privati e imprese, servizi che afferiscono alla sfera finanziaria, ovvero quella della gestione delle risorse economiche.

Le società di servizi finanziari operano offrendo  prodotti finanziari: le prestazioni, i conti o gli investimenti che forniscono a persone e aziende. Il settore dei servizi finanziari è un settore molto importante nel contesto economico, perché fornisce le infrastrutture che permettono all’intero sistema di funzionare.

MoneyFarm, una delle massime espressioni italiane del fintech, ha focalizzato la sua mission sull’importanza dei servizi finanziari considerandoli l’architrave dell’economia globale. Il vantaggio principale, tra i tanti, è che permettono di pianificare il futuro gestendo le proprie risorse.

One thought on “Fintech spopola: 14 milioni di italiani usano lo smartphone per gestire il proprio denaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.