Apple conferma: ecco perché non arriveranno XCloud e Stadia

Apple conferma: ecco perché non arriveranno XCloud e Stadia

Vi avevamo riportato della decisione di Microsoft, piuttosto sospetta, sulla decisione di interrompere in anticipo i test di Project XCloud sui dispositivi iOS.

Inizialmente si era parlato di problemi tecnici, pur mancando sempre una conferma da parte della diretta interessata, ma adesso Apple è intervenuta sulla questione con una nota ufficiale.

Come avevamo intuito, il motivo per cui non arriveranno piattaforme di cloud gaming come Project XCloud (e anche Google Stadia) è da imputare alla violazione di un regolamento

Secondo Apple tutti i giochi presenti in questi servizi dovrebbero essere inviati individualmente ad Apple per le procedure di verifica e approvazione.

L’App Store è stato creato come spazio sicuro e attendibile per permettere ai clienti di scoprire e scaricare app, e come grande opportunità di guadagno per gli sviluppatori. Prima di essere pubblicati sul nostro store, tutte le app sono verificate seguendo lo stesso set di linee guida, pensate per proteggere i clienti e garantire una concorrenza corretta ed equa agli sviluppatori. I nostri clienti si godono grandi app e giochi da milioni di sviluppatori, e i servizi relativi al gaming possono assolutamente trovare spazio sull’App Store, a patto che seguano le stesse linee guida applicabili a tutti gli sviluppatori, tra cui quella per cui ogni gioco deve essere inviato individualmente per l’approvazione, e comparire nelle classifiche e nella ricerca. In aggiunta all’App Store, gli sviluppatori possono raggiungere tutti gli utenti di iPhone e iPad attraverso Safari e gli altri browser nell’App Store.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.