Xiaomi Berlin sbarca su GeekBench con SoC Snapdragon 632

Xiaomi Berlin sbarca su GeekBench con SoC Snapdragon 632

Xiaomi ha in programma un importante evento dedicato al nuovo Mi MIX 2S in occasione della giornata del 27 marzo. Possiamo definirlo, a conti fatti, una vera e propria risposta a distanza a Huawei P20, oltre che la prima incursione dell’anno del produttore cinese per quanto concerne il panorama degli smartphone top di gamma. La società guarda comunque al futuro e, soprattutto, ai prodotti dotati di un prezzo più contenuto e specifiche al ribasso. Come l’inedito Xiaomi Berlin, scoperto di recente da un rapporto di Roland Quandt che fa espresso riferimento al database di GeekBench, luogo nel quale albergano alcune delle peculiarità distintive del nuovo medio-gamma cinese.

Si tratta della prima volta che il dispositivo appare sulla scena della rete ed è per questo che l’accezione “Berlin” è senz’altro un nome in codice piuttosto che l’appellativo commerciale definitivo. In attesa di entrare più a fondo con le prossime indiscrezioni, possiamo ad ogni modo snocciolare quella che sarà la piattaforma hardware di riferimento: lo Snapdragon 632, chipset firmato Qualcomm composto da otto core con frequenza base di 1,03GHz, accoppiato per l’occasione da 3 gigabyte di memoria RAM e 32 gigabyte di spazio di archiviazione nativo.

Xiaomi Berlin sarà corroborato da Android Nougat, personalizzato ad-hoc secondo i dettami dell’interfaccia proprietaria MIUI 9 e, stando alle rilevazioni di GeekBench, è riuscito a guadagnare un ragguardevole punteggio di 1.155 punti per quel che riguarda il campo single core e 2738 punti relativamente al multi-core. Se il primo valore è di tutto rispetto – sebbene lontanissimo dagli standard dei top di gamma – il secondo è di gran lunga sotto la media, segno di un lavoro ancora da perfezionare.

Non saremmo sorpresi se Xiaomi Berlin ripiegherà in futuro sullo Snapdragon 636, anche perché il SoC rilevato da GeekBench non è ancora stato ufficializzato nonostante sia stato in predicato di esser parte integrante della nuova proposta targata Redmi Note 5 Pro. Staremo a vedere, certi comunque che la strada per l’avvento del nuovo smartphone Xiaomi di fascia media sia ancora lunga.

FONTE: Gizchina