Windows 10 gratis: ultime ore per ottenerlo senza pagare. Ecco chi potrà farlo

Windows 10 gratis: ultime ore per ottenerlo senza pagare. Ecco chi potrà farlo

L’aggiornamento gratuito a Windows 10 per tutti coloro i quali utilizzano vecchie versioni del sistema operativo di Microsoft (Windows 7 e Windows 8) si è ormai concluso da diverso tempo. Passare al nuovo Windows è ormai diventata dunque una operazione a pagamento, ma il produttore di Redmond aveva lasciato aperta la possibilità di scaricare Windows 10 gratis nel caso in cui l’utente faccia espresso riferimento ai servizi di tecnologia assistiva. In soldoni, si tratta di quelle funzioni progettate appositamente (l’assistente vocale, ad esempio, oppure la lente di ingrandimento) al fine di agevolare l’utilizzo del computer per le persone affette da qualche disabilità.

Una opportunità sicuramente apprezzata e senz’altro utile, seppure non infinita od esente da restrizioni. Come confermano infatti le FAQ sulla pagina dedicata del sito Microsoft, l’aggiornamento gratuito a Windows 10 non sarà più possibile a far data dal primo gennaio del 2018. E visto che l’anno in corso sta volgendo al termine, può esser utile ricordare l’ormai imminente scadenza, dal momento che una volta spirato il 2017, Windows 10 diventerà a pagamento anche per chi fa uso delle tecnologie assistive.

Una logica conseguenza quest’ultima dettata dalla maturità raggiunta dall’ultima versione del sistema operativo di Microsoft e, in particolare, dalla completa e corretta integrazione su Windows 10 di tutti quei servizi dedicati alle persone diversamente abili. Windows 10 Anniversary Update può, ad esempio, fregiarsi tra le altre cose di aggiornamenti mirati sulla sicurezza od anche funzionalità specifiche e selettive pronte ad accondiscendere le esigenze delle persone che fanno uso delle tecnologie assistive.

Ora, per scaricare Windows 10 gratis basterà cliccare sul pulsante “Aggiorna Ora” contenuto nell’apposita pagina del sito ufficiale di Microsoft (CLICCA QUI). L’azienda americana spinge con forza verso l’aggiornamento gratuito, sottolineando la presenza di <<esperienze familiari, più sicure, personali e produttive>>, anche se dall’altro lo stesso produttore di Redmond consiglia prima di rivolgersi ai <<provider degli strumenti di assistive technology che usi per richiedere informazioni sulla compatibilità del software fornito con Windows 10>>.