Tre importantissime novità da domani 5 marzo per le passa a TIM: cosa dobbiamo sapere

Tre importantissime novità da domani 5 marzo per le passa a TIM: cosa dobbiamo sapere

Scattano domani 5 marzo alcune importanti novità per quanto riguarda le offerte passa a TIM. Dopo le nuove mosse sfornate da Vodafone, di cui vi abbiamo parlato ieri, bisogna prendere atto che nelle prossime ore scatteranno le contromisure da parte di TIM al decreto legislativo con cui si tornerà alla fatturazione mensile. Insomma, da domani chi sceglie un piano della compagnia telefonica, anche con portabilità del proprio numero da altro gestore, vedrà rinnovarsi l’offerta lo stesso giorno del mese successivo.

Questo cosa vuol dire? I costi di cui si è parlato fino a questo momento per le passa a TIM dovrebbero conoscere un rincaro pari all’8,6% per ciascun rinnovo, fermo restando che la spesa annuale per il pubblico risulterà invariata. Il passaggio da tredici a dodici pagamenti, infatti, andrà a bilanciare l’aumento di cui vi stavamo parlando. Premesso questo, un’offerta che su quattro settimane è stata proposta a 7 euro, ora passerà a poco più di 7,50 euro. Parallelamente, un piano da 10 euro ogni quattro settimane, ora vi costerà 10,86 euro.

Quanto alle penali, siete ancora in tempo per cambiare senza affrontare costi di uscita. Ricordate però di inviare comunicazione scritta al vostro operatore, indipendentemente dal fatto che si tratti di Vodafone, Wind, Tre o appunto TIM. In quest’ultimo caso, vi suggeriamo di chiamare il 187 e di ottenere tutte le informazioni del caso per muovervi nel modo più corretto è nel rispetto della legge in seguito alle modifiche delle condizioni contrattuali.

Ciò non toglie che per limitare i costi di uscita, sarà sufficiente non avere offerte addebitate sul conto corrente ed un credito residuo sulla SIM molto basso. Quest’ultimo discorso, ovviamente, avrà un valore doppio per chi da domani attiverà un’offerta passa a TIM, nel caso in cui si dovesse decidere di abbandonare l’operatore prima della canonica scadenza dei 24 mesi. In questo modo dovreste sapere qualcosa in più su come muovervi da domani.