Smaltimento rifiuti hi-tech, al via il ritiro gratuito nei negozi

Smaltimento rifiuti hi-tech, al via il ritiro gratuito nei negozi

Partirà il prossimo 22 luglio la campagna denominata <<Uno contro zero>> avente ad oggetto lo smaltimento dei rifiuti hi-tech. Una novità già al vaglio da tempo e condensata nel decreto numero 121 del sette luglio del Ministero dell’Ambiente, pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale: i negozi di elettrodomestici saranno obbligati a ritirare in via del tutto gratuita i cosiddetti dispositivi <<RAEE>> (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). L’appellativo coniato alla campagna <<Uno contro zero>> – che entrerà in vigore a far data dal prossimo 22 luglio – esplica appieno le peculiarità salienti della detta modalità: il cittadino potrà infatti disfarsi di rifiuti hi-tech di piccole dimensioni senza esser costretto a pagare qualcosa, sia in termini di denaro che, in corrispettivo, mediante l’acquisto di un nuovo prodotto elettronico.

ROTTAMAZIONE RIFIUTI HI-TECH: A CHI SI APPLICA IL DECRETO

L’obbligo imposto forzosamente ai distributori non sarà tuttavia capillare, giacché il decreto del Ministero dell’Ambiente fissa i necessari e preliminari requisiti ai quali la disposizione verrà applicata. In particolare, la modalità di ritiro gratuito scatterà per negozi con superficie di vendita al dettaglio di almeno 400 metri quadrati: tutti coloro i quali non rientreranno in questa prerogativa – ivi incluso gli e-commerce – potranno decidere facoltativamente se adottare quanto previsto dal decreto. I negozianti avranno l’obbligo di smaltire quanto quanto raccolto entro lo spirare di un anno od, in alternativa, al raggiungimento del tetto limite di 1000KG di rifiuti hi-tech.

RIFIUTI HI-TECH, I REQUISITI PER LO SMALTIMENTO GRATUITO

Altro punto nodale della campagna improntata allo smaltimento dei rifiuti hi-tech concerne i dispositivi RAEE, nello specifico l’apparecchio elettronico rientrante nel disegno governativo e del quale il cittadino potrà liberamente disfarsi in via del tutto gratuita. Come specificato dal decreto del Ministero dell’Ambiente, il criterio saliente verterà su quelle <<apparecchiature elettriche ed elettroniche che sono alimentate da correnti elettriche con una tensione non superiore a 1000 volt per la corrente alternata e 1500 volt per la corrente continua>>. Ad entrambi i due requisiti tecnici dovrà inoltre necessariamente affiancarsi un altro imprescindibile dato: la lunghezza del dispositivo non superiore a 25 centimetri.

Al fine di rendere il quadro più chiaro, possiamo a titolo di esempio far riferimento ad alcuni apparecchi rientranti appieno tra i dispositivi RAEE e, dunque, indiziati principali della campagna <<Uno contro zero>>: smartphone e tablet innanzitutto, gli asciugacapelli, i rasoi elettrici, le piastre per capelli, gli spremiagrumi, i lettori mp3, gli sbattitori e, più in generale, prodotti tecnologici di piccole dimensioni (lunghezza non superiore a 25 centimetri).

Infine, il decreto del ministero dell’Ambiente ha imposto un ulteriore obbligo in campo ai distributori rientranti nel disegno di legge legato allo smaltimento dei rifiuti hi-tech: <<promuovere campagne informative e iniziative commerciali incentivanti>>. I negozi dovranno infatti disporre di uno o più contenitori per raccogliere i dispositivi RAEE (da collocare all’interno od in prossimità del locale, come disposto dal punto a) dell’articolo 3 del decreto), il tutto nel pieno rispetto delle condizioni di sicurezza e di salute, tali da non essere ostacolanti nei riguardi dei cittadini.

via

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.