Motorola Razr 2020 5G: ecco le prime foto reali

Motorola Razr 2020 5G: ecco le prime foto reali

Sono spuntate online le prime foto reali del nuovo Motorola Razr 2020 5G, ovvero una versione aggiornata con il supporto al 5G del primo smartphone pieghevole proposto da Motorola.

Come si evince dalle foto, questa nuova versione apporta alcune leggere variazioni nel design, adottando delle forme leggermente più morbide, mentre la cerniera appare più pronunciata e visibile. Una scelta sicuramente strana, che rende il device meno uniformato a livello visivo, ma che potrebbe garantire dei benefici in termini di resistenza sul lungo tempo.

Cambia leggermente anche il sensore frontale, che secondo le ultime indiscrezioni dovrebbero essere di ben 48 Megapixel.

Le caratteristiche al momento note sul dispositivo parlano di SoC Snapdragon 765, uno schermo pieghevole leggermente più grande, da 6,7 pollici contro i 6,2 pollici del primo Razr.

La memoria RAM invece dovrebbe essere da 8GB, affiancata da uno storage interno sa 256GB.

Altre caratteristiche:

  • Fotocamera posteriore con sensore Samsung ISOCELL Bright GM1 da 48MP(16MP nel modello precedente)
  • Fotocamera anteriore da 20MP (5MP nel primo Razr)
  • Batteria da 2.845 mAh (2.510 mAh nel primo Razr), supporto ricarica a 18W
  • Supporto alla connettività 5G grazie al processore Snapdragon X52 integrato nel SoC

Rispetto al modello precedente arrivato sul mercato con Android 9 a bordo, questa nuova incarnazione monterà a bordo fin da subito il nuovo sistema operativo Android 10.

Le caratteristiche del Motorola Razr originale

All’apertura del dispositivo tutti i contenuti vengono trasferiti sul display primario, un pannello OLED da 6.2 pollici con risoluzione 2142 x 876 pixel caratterizzato da tecnologia Flex View e da un aspect-ratio di 21:9. Abbiamo a corredo anche una piccola notch che ospita la fotocamera frontale da 5 MP e la griglia degli altoparlanti.

Sotto il display esterno è invece posizionata la fotocamera a singolo obiettivo da 16 megapixel caratterizzata da Night Vision. Sui bordi del Razr 2019 abbiamo i controlli fisici classici quali bilanciere del volume e pulsante di accensione e spegnimento. Sull’unica componente fissa, ripresa dal modello originale, è infine posizionato un sensore per le impronte digitali e una porta USB-C.

Per quanto riguarda le componenti interni, abbiamo un processore Qualcomm Snapdragon 710 octa-core con 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione. Il dispositivo, alimentato da Android 9, dispone anche di certificazione IP68 e una batteria da 2510 mAh con ricarica TurboPower da 15W.

Ricordiamo che Motorola Razr è il primo pieghevole a supportare unicamente le eSim, formato che si sta lentamente espandendo a macchia d’olio in diversi paesi. Per maggiori dettagli vi invitiamo a recuperare il nostro articolo dedicato a Razr e WINDTRE.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.