Twitter a rischio: esodo dei dipendenti dopo l’ennesima pretesa lavorativa di Musk

Centinaia di dipendenti su Twitter si sono dimessi dalla società piuttosto che optare per far parte del “Twitter 2.0” sotto la guida di Elon Musk. A riportare la notizia è The Verge, Musk all’inizio di questa settimana ha messo i dipendenti in condizioni lavorative “estremamente difficili”, con lunghe ore di lavoro ad alta intensità. “Solo prestazioni eccezionali costituiranno un voto positivo”, ha affermato Musk nei confronti dei dipendenti.

Quando ha rilevato Twitter, Musk ha licenziato circa la metà dei 7.500 dipendenti che erano in azienda in quel momento e da allora ha continuato a licenziare tutti coloro che lo criticavano, inclusi i veterani di lunga data che lavoravano nell’azienda.

I dipendenti di Twitter che hanno parlato con The Verge hanno affermato che, dato il numero di persone che se ne sono andate, Twitter potrebbe “iniziare a rompersi presto” e che sarà “estremamente difficile per il social riprendersi”.

Con l’esodo dei dipendenti, Twitter ha temporaneamente chiuso tutti gli edifici per uffici e sospeso l’accesso ai badge.

Nelle ultime ore prima della scadenza, Musk avrebbe tentato di convincere i dipendenti a restare. Bloomberg afferma che il personale chiave è stato coinvolto nelle riunioni e Musk ha anche risposto alle sue richieste di lavoro in ufficio. Tutti i dipendenti dovevano lavorare dall’ufficio 40 ore a settimana, tuttavia con l’ultima riunione ha fatto un passo indietro affermando che i dipendenti avrebbero potuto lavorare da casa, con riunioni mensili di persona e approvazione manageriale.

Fonte

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa