Google Stadia: in arrivo il primo upgrade “hardware”

Google Stadia: in arrivo il primo upgrade “hardware”

Il 2020 di Stadia ha visto l’azienda impegnata a risolvere alcune importanti lacune del servizio, nel tentativo di mantenere quelle promesse fatte ai tempi della prima presentazione del 2019.

A quanto pare il prossimo passo adesso sarà un significativo upgrade “hardware” dei server. Si tratta di una pratica che il colosso di Mountain View aveva promesso tempo addietro: upgrade periodici ai server per assecondare l’evoluzione hardware del mercato e le richieste degli sviluppatori.

Il primo di questi aggiornamenti hardware ai server è in dirittura d’arrivo, ma non sappiamo ancora quando di preciso, e in cosa consisteranno effettivamente.

Attualmente l’hardware di Stadia in remoto non permette ancora di applicare l’effetto Ray Tracing, il sistema d’illuminazione di nuova generazione che si sta già timidamente affacciando su PS5 e Xbox Series X.

E’ possibile che Google decida di sfruttare l’onda di inaspettata popolarità di cui sta godendo la piattaforma di Stadia in questi giorni dopo il caso Cyberpunk 2077, un titolo che potrebbe effettivamente mettere in mostra i muscoli di eventuali upgrade ai server, partendo proprio dal suo avveniristico Ray Tracing di nuova generazione.

Google inoltre ha annunciato una modifica alla sua strategia comunicativa, affermando che discuterà delle nuove funzioni della piattaforma solo al momento del rilascio, puntando sul fattore sorpresa.

Rispondi