G Suite diventa Google Workspace: abbiamo il nuovo Office?

G Suite diventa Google Workspace: abbiamo il nuovo Office?

G Suite, il contenitore di software e servizi dedicato alla produttività nell’ambito lavorativo, cambia ufficialmente nome e diventa Google Workspace.

La domanda più scontata dunque è, abbiamo finalmente il vero rivale di Office? E’ molto probabile che il rebranding da parte di Google punti a rendere il suo contenitore di servizi più chiaro ai consumatori, tuttavia sono presenti anche nuove funzioni introdotte in concomitanza al lancio del nuovo agglomeratore di servizi.

L’accesso a G Suite (adesso Google Workspace) comprendono applicazioni Web di Google tra cui Gmail, Hangouts, Calendar e Currents per la comunicazione; Drive per l’archiviazione; Documenti, Keep, Moduli e Sites per la produttività e la collaborazione; e, a seconda del piano, un pannello di amministrazione e Vault per la gestione degli utenti e dei servizi

Nonostante questi prodotti siano disponibili gratuitamente agli utenti privati, G Suite offre vantaggi specifici per le aziende quali indirizzi email personalizzati in base al dominio, 30 GB di spazio minimo di memorizzazione per documenti ed email ad utente, nonché assistenza telefonica e tramite email 24/24.

In quanto soluzione di cloud computing, offre un approccio diverso rispetto ai software di produttività personale per l’ufficio in commercio, offrendo l’hosting delle informazioni dei clienti nella rete di data center sicuri di Google, o su server tradizionali gestiti internamente e fisicamente nelle sedi aziendali.

Tra le nuove funzioni introdotte abbiamo anche Google Docs, che adesso permette di avviare immediatamente una videochiamata tra tutti coloro che lavorando al documento in quel momento, in modo tale da coordinarsi e allinearsi sul lavoro da portare avanti.

Ecco il video introduttivo rilasciato da Google:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.