Bonus Rottamazione TV: nessuna proroga per il 2023

La Legge di Bilancio 2023 non ha previsto alcuna proroga per il Bonus Rottamazione TV, incentivo che lo Stato aveva messo a disposizione dei cittadini nel 2021 e che è stato disponibile anche nel 2022.

Tale bonus era stato introdotto per andare incontro alle famiglie che avevano la necessità di acquistare delle nuove TV a seguito delle più moderne tecnologie adottate dalle emittenti televisive, le quali hanno reso del tutto obsoleti, quindi pressoché inutilizzabili, modelli ancora largamente adoperati nelle case degli italiani.

Per il medesimo motivo, peraltro, era stato introdotto anche il Bonus Decoder, che consentiva appunto di usufruire di un incentivo per acquistare questo genere di dispositivo, ma neppure quest’ultimo ha trovato conferma per l’anno appena iniziato.

Ma in che cosa consisteva il Bonus Rottamazione TV? Quali erano le sue caratteristiche? Andiamo a scoprirlo.

Bonus Rottamazione TV: cosa prevedeva e quali erano i requisiti richiesti per poterne usufruire

Il Bonus Rottamazione TV, divenuto operativo il 23 agosto 2021, era fruibile da tutti i cittadini senza alcun limite di ISEE e consentiva di poter usufruire di uno sconto del 20% sull’acquisto del nuovo televisore entro un importo massimo di 100 euro.

I requisiti necessari per poterne usufruire erano pochi e tutt’altro che stringenti: era infatti necessario soltanto risiedere in Italia, essere in regola con il pagamento del canone e impegnarsi nel procedere con la rottamazione del televisore obsoleto (affinché un televisore potesse definirsi tale, è utile ricordarlo, doveva essere stato acquistato prima del 22 dicembre 2018); l’incentivo, inoltre, era fruibile anche dai cittadini esenti dal pagamento del canone, se di età pari o superiore a 75 anni e con un reddito familiare annuo non eccedente gli 8.000 euro.

Come poteva essere effettuata la rottamazione del televisore obsoleto

La rottamazione del vecchio televisore, che come detto era indispensabile per usufruire dell’incentivo, poteva essere effettuata in due diversi modi: consegnando l’oggetto presso un’isola ecologica autorizzata del proprio comune oppure, ancor più semplicemente, consegnando il vecchio televisore ad uno dei tantissimi rivenditori aderenti all’iniziativa; acquistando un nuovo televisore presso una determinata azienda, dunque, sarebbe stata quest’ultima a gestire i vecchi dispositivi pervenuti secondo le disposizioni di legge.

Bonus non più attivo, ma acquistare televisori ad un prezzo vantaggioso è assolutamente possibile

Chi aveva in programma di cambiare il proprio televisore, dunque, purtroppo non può più fare affidamento a quest’opportunità, ma questo non significa che non si possano acquistare dei televisori di qualità ad un prezzo conveniente, d’altronde la copertura di spesa garantita dal bonus, come visto, ammontava solo al 20% della spesa.

È sufficiente fare una semplice ricerca in rete per rendersi conto di come oggi il prezzo medio di questi articoli tecnologici sia tutt’altro che proibitivo, inoltre è bene tenere sempre d’occhio gli e-commerce che trattano questo tipo di prodotti in quanto molti di essi, come il caso di ByTecno, propongono periodicamente delle offerte smart TV molto allettanti.

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa