Attacchi informatici: nel secondo trimestre del 2020 aumentati del 250%

Attacchi informatici: nel secondo trimestre del 2020 aumentati del 250%

Sicurezza e Internet: un tema spesso dibattuto, che negli ultimi mesi ha sottolineato la necessità di trovare più soluzioni contro gli hacker. In questo 2020 sono infatti aumentati in maniera esponenziale i casi di hacking, specialmente in direzione di realtà importanti e di CMS molto diffusi come Magento all’interno del mondo degli e-commerce. Ci si trova dunque di fronte ad un vero e proprio boom di attacchi informatici: di conseguenza è il caso di approfondire i dati e di scoprire quali sono le possibili soluzioni a nostra disposizione, utili per proteggerci.

Il 2020 è l’anno dei cyber attacchi

Il 2020 passerà alla storia per fatti e cose ben più gravi, ma fra le tante circostanze negative si inserisce anche il boom degli attacchi informatici subiti dai siti web (e non solo) in tutto il mondo. Se si fa un primo calcolo si scopre infatti che i fenomeni di hacking sono aumentati di oltre il +250% nel secondo trimestre dell’anno, e che stanno crescendo in modo esponenziale le violazioni ai sistemi delle Pubbliche Amministrazioni e delle PMI. Le vittime preferite sono proprio gli e-commerce, con un aumento degli attacchi dovuto in larga parte alla scoperta di alcune falle in un sistema CMS come Magento. Il motivo? Molti e-commerce in tutto il mondo utilizzano ancora la vecchia versione di questo CMS, non più supportata dagli sviluppatori e di conseguenza non aggiornata anche dal punto di vista della sicurezza. E spesso, nel web, vige questa regola: chi non aggiorna le piattaforme viene “bucato” rapidamente. Tornando ai dati, in Italia giugno è stato il mese più fruttifero in assoluto per gli hacker, soprattutto per via della diffusione dello smart working. Inoltre, è aumentato in maniera esponenziale il furto dei dati sensibili (oltre il 350%) e le violazioni della privacy.

Come aumentare la propria sicurezza online

Con l’aumento dei cyber attacchi è importante riuscire a capire come mettere al sicuro i nostri dati, e le nostre informazioni sensibili, durante le sessioni di navigazione su Internet. Il primo suggerimento è quindi quello di informarsi su come poter proteggere la propria connessione, magari affidandosi a sistemi di virtual private network. Questo genere di reti, infatti, permette di mettere al sicuro i propri dati in maniera molto semplice, dato che alcuni servizi mettono a disposizione un’apposita estensione VPN per Chrome in grado di schermare il proprio indirizzo IP appena attivata. Grazie a questo sistema si può navigare sul web senza lasciare indizi o tracce che gli hacker potrebbero sfruttare per violare la nostra privacy, o per rubare dati sensibili.

Un secondo suggerimento riguarda il monitoraggio del traffico di rete con un firewall: il programma tiene infatti sotto controllo le varie porte, impedendo l’accesso agli attacchi e in genere tenendo d’occhio le attività sospette. Inoltre, si suggerisce di aggiornare sempre e comunque il sistema operativo, il browser e tutti i programmi che utilizziamo di frequente. In questo modo si possono applicare le patch, che hanno il compito di tappare le eventuali falle presenti nei software. L’ultimo suggerimento, è quello di proteggere il PC e tutti gli account personali con password sicure, sfruttando ad esempio i generatori di parole di sicurezza complesse e cambiandole spesso.

Nel corso dell’anno ci siamo resi conto di come il mondo digitale porti con sé tante opportunità quanti pericoli. L’importante, tuttavia, è conoscere cosa ci aspetta e adoperarsi per mettersi al sicuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.