Android 11: Google spiega perché ha deciso di bloccare le fotocamere third party

Android 11: Google spiega perché ha deciso di bloccare le fotocamere third party

Come vi abbiamo riportato, Android 11 includerà tra le sue novità un blocco parziale all’utilizzo delle app fotocamera provenienti da terzi, per dare precedenza unicamente a quelle pre-installate sugli smartphone.

Ad oggi è possibile scegliere una lista di applicazioni con il quale scattare le foto, ma questa opzione sarà rimossa a partire daAndroid 11, che imposterà in automatico l’app pre-installata.

L’utilizzo di app esterne non sarà comunque del tutto rimosso, ma andranno avviate manualmente. E’ probabile che la decisione di Google sia stata presa per una questione di sicurezza e privacy degli utenti.

Intervistata ai microfoni di The Verge, Google ha deciso di chiarire questa sua scelta:

Crediamo che sia il giusto compromesso per proteggere la privacy e la sicurezza dei nostri utenti.

Google comunque ha chiarito come funzionerà questa restrizione e quali sono le cose ancora fattibili con le fotocamere terze parti:

  • Sarà ancora possibile aprire manualmente le applicazioni terze parti tappando direttamente sull’icona dalla schermata home.
  • Sarà ancora possibile scattare foto con la fotocamera per caricarle sulle app più popolari come Snapchat, TikTok, e Instagram.
  • Sarà ancora possibile effettuare un doppio tocco sull’icona dello spegnimento per lanciare l’app della fotocamera che si preferisce.
  • Le app saranno ancora capaci di riconoscere le app fotocamere che più aggradano l’utente, ma adesso non sarà più possibile importare foto e video usando questo metodo.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.