UFFICIALE: Iliad vuole comprare la divisione italiana di Vodafone

Nonostante la smentita iniziale delle voci arrivata direttamente da Benedetto Levi, adesso arriva la conferma ufficiale sulla “tresca” tra Iliad e Vodafone, ma bisogna andare con ordine per fare un po’ di chiarezza.

E’ Iliad Francia ad aver confermato ai microfoni di Bloomberg, tramite il suo CEO Thomas Reynaud, che la società intende rilevare tutta la divisione italiana di Vodafone, dunque non si tratterebbe affatto di una fusione tra le due realtà come precedentemente riportato. Il gruppo francese non fornisce dettagli sul prezzo della sua offerta né sulle condizioni del suo finanziamento. Iliad non è stato quotato in borsa dall’OPA fatta a metà del 2021 da Xavier Niel. Vodafone, dal canto suo, al momento non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale sulla vicenda, ma dubitiamo che resterà ancora in silenzio per molto tempo.

Ma sulle pagine di Bloomberg sono stati chiariti anche i motivi per cui Iliad intende mettere in moto questa acquisizione e sono tutti legati alla volontà di velocizzare la crescita dell’operatore sul territorio italiano assorbendone non solo le competenze tecnologiche, risparmiando al contempo anche sulle infrastrutture. Con l’acquisizione di Vodafone l’operatore liad deterrebbe un terzo dell’intero mercato mobile italiano, ma gli permetterebbe di espandersi precocemente nel campo della rete fissa, dove da poco ha fatto capolino con il suo appetitoso modello di business.

Acquisizione per controbilanciare le perdite di Iliad

L’aggressiva politica dei prezzi del gruppo per sostenere la sua campagna italiana è costata cara al gruppo di Xavier Niel. L’azienda è in equilibrio dalla prima metà del 2021, ma ha accumulato quasi 450 milioni di euro di perdite operative tra il 2018 e il 2020 e continua a consumare liquidità. L’acquisizione di Vodafone Italia, la cui rete è molto più ampia di quella del gruppo francese, consentirebbe a Iliad, come detto nel paragrafo precedente, di risparmiare importanti investimenti.

L’ideatore del Freebox potrebbe beneficiare anche dei 3 milioni di clienti italiani che Vodafone ha in questo segmento. Questa voglia di matrimonio mira anche a sedare la guerra dei prezzi iniziata da Iliad fin dal suo arrivo, seguita dai tre maggiori operatori – Telecom italia, Vodafone e Wind Tre – e mantenuta da alcuni piccoli operatori cosiddetti virtuali (o “MVNO”).

Gli analisti di JPMorgan prevedono nel 2021 un calo complessivo del 3% del fatturato dei quattro principali operatori italiani, che renderebbe l’Italia il mercato più competitivo d’Europa.

L’amministratore delegato di Vodafone, Nick Read, aveva dichiarato di essere alla ricerca di un consolidamento della società delle operazioni in Europa attraverso delle fusioni che avrebbero potuto coinvolgere Regno Unito, Spagna, Italia e Portogallo.

Siamo attivi su diversi fronti e vediamo un buon coinvolgimento delle nostre controparti, il che conferma che abbiamo una serie di potenziali opportunità per modellare il business con asset più forti in mercati più sani e sbloccare valore per i nostri azionisti. Ci stiamo avvicinando al consolidamento con rapidità e determinazione.

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa