Tre meravigliose novità con le passa a Vodafone e TIM dal 25 marzo

Tre meravigliose novità con le passa a Vodafone e TIM dal 25 marzo

Arrivano almeno tre grandi novità in queste ore per tutti coloro che stanno valutando le passa a Vodafone e TIM qui in Italia, ufficialmente disponibili già a partire da oggi 25 marzo. Proviamo dunque a fare mente locale, perché le notizie da dare sono molteplici e richiedono grande attenzione da parte di tutti, indipendentemente dal fatto che abbiate già deciso di sottoscrivere determinate offerte, oppure nel caso in cui siate fortemente interessati a lasciarvi sedurre dalle due compagnie telefoniche.

Partiamo proprio con le passa a Vodafone, perché giungono da questo operatore le news più interessanti a fine marzo. Questo, infatti, pare essere il primo brand in qualche modo condizionato dalla recente indagine dell’Antitrust su un presunto tacito accordo tra gli operatori dopo il ritorno alla fatturazione mensile. Morale della favola? Secondo gli ultimi rumors, certificati anche da alcuni tweet di risposta, potrebbe non esserci l’aumento dell’8,6% per ciascun rinnovo nel passaggio ai pagamenti mensili. Così fosse, su base annuale andremmo a pagare esattamente quella stessa quota in meno.

In aggiunta, tutte le offerte Vodafone, con portabilità o meno in ambito mobile, dal 25 marzo dovrebbero prevedere l’hotspot gratuito. Si tratterebbe di un passo storico dell’operatore, visto che fino ad oggi solo questo marchio aveva negato una possibilità del genere al proprio pubblico. In attesa di annunci ufficiali per la doppia novità, invitiamo tutti gli utenti interessati a chiedere maggiori informazioni presso i rivenditori autorizzati.

Quanto alle offerte passa a TIM, bisogna aggiungere un dettaglio importante rispetto alla nuova promozione di cui vi abbiamo parlato questa mattina. Promozioni con portabilità come le Tim Five Go +10GB Gratis e Tim Ten Go +10GB Gratis dovrebbero essere proposte con il pagamento pari rispettivamente a 7 e 10 euro in occasione del primo rinnovo su base mensile, per poi prevedere l’incremento dell’8,6%. Occhio però anche in questo caso ai possibili effetti dell’iniziativa Antitrust.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.