Shopify citato in giudizio per pirateria

Cinque importanti publisher hanno citato in giudizio Shopify per la detenzione e la messa in circolazione di materiali didattici piratati: parliamo di PDF di ebook e materiali di prova. Nel testo della causa vi è anche un focus sul fatto che la piattaforma di e-commerce non riesce a rimuovere gli annunci e  i negozi che violano i marchi registrati e protetti da copyright. La causa, presentata oggi alla Corte Distrettuale della Virginia Orientale, rivendica danni legali superiori a 500 milioni di dollari.

Gli editori (Pearson Education, Inc., Macmillan Learning, Cengage Learning, Inc., Elsevier Inc., e Mcgraw Hill) hanno dichiarato nella causa che Shopify “assiste e ricava profitti dalla vendita online di copie illecite” dei libri di testo e di altri prodotti. Gli editori dicono anche che Shopify ha ricevuto “avvisi dettagliati praticamente ogni settimana per anni” che identificano annunci di vendita di contenuti pirata e relativi URL del negozio, ma non è riuscito a bloccare i venditori che hanno utilizzato la piattaforma compiendo questi atti illeciti.

Secondo gli editori, Shopify continua ad offrire servizi come storefront building, web hosting, e l’elaborazione dei pagamenti per venditori noti per le loro malefatte. “Shopify promuove il suo modello di business consentendo ai trasgressori di perpetuare la violazione“, sostiene la causa.

Il presidente di Shopify, Harley Finkelstein, ha già detto che se la società vede negozi che violano un copyright o un marchio registrato, questi vengono in automatico rimossi.

Nella lunga causa viene anche riportato che l’incapacità di Shopify di controllare “i pirati dei libri di testo” danneggia i loro termini legali. Le copie digitali illegali di libri di testo sono vendute “ad un prezzo inferiore dei testo digitali legittimi, diminuendo così il loro valore percepito con conseguente perdita di vendite“.

La pirateria dei libri di testo, in parte, è guidata dall’impennata dei prezzi dei materiali didattici e questo permette agli editori di mantenere una morsa sull’industria. I costi dei libri di testo sono aumentati dell’88% tra il 2006 e il 2016, secondo uno studio del Bureau of Labor Statistics. E anche se gli editori hanno affermato che i libri di testo digitali rendono i materiali più abbordabili, gli ebook non risolvono il problema dell’accessibilità perché a volte l’accesso scade dopo una certa data. Ricordiamo inoltre che gli ebook non possono essere venduti, poiché direttamente collegati all’account dell’utente.

Un rappresentante di Shopify ha dichiarato che la società fa sforzi significativi per rimuovere le violazioni del copyright. “Abbiamo più team che gestiscono potenziali violazioni alla politica di utilizzo, e non esitiamo a chiudere i negozi quando questi vengono fuori“, ha detto Rebecca Feigelsohn.

 

Leggi anche:

 

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa