Playstation 5: Mark Cerny deposita un nuovo brevetto per la retrocompatibilità

La retrocompatibilità è senza dubbio uno di quegli elementi che Xbox ha abbracciato con successo negli ultimi anni, trasformandolo in un vantaggioso punto di forza nei confronti della concorrenza.

A quanto pare però Sony starebbe lavorando ad una soluzione per cercare di mitigare il gap proprio sul fronte della retrocompatibilità. Shaun McIlroy su Twitter ha scoperto un brevetto depositato tramite l’USPTO dall’architetto di PS5 Mark Cerny che potrebbe indicare la compatibilità con i giochi della generazione PS3, PS2 e PS1.

Il brevetto descrive specificamente “Compatibilità con le versioni precedenti attraverso l’uso di spoof clock e controllo della frequenza”.

Dato che la PS5 ha già la retrocompatibilità per un certo numero di titoli PS4, potrebbe invece puntare al supporto per titoli della generazione PS1, PS2 e PS3.

Naturalmente, il tempo dirà quanto tempo ci vorrà per implementarlo nell’hardware attuale.

Questo brevetto inoltre arriva dopo i recenti rumor relativi a “Spartacus”, un servizio a cui starebbe lavorando Sony con l’intento di rivaleggiare con il Game Pass di Microsoft, che apparentemente combinerà PlayStation Plus e PlayStation Now sfruttando al contempo la retrocompatibilità. Apparentemente arriverà nella primavera del 2022 per PS4 e PS5, quindi forse questo brevetto potrebbe collegarsi proprio a questo servizio ma lo scopriremo nei prossimi mesi.

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa