OneDrive per Android, in arrivo il supporto ai canali di notifica

OneDrive per Android, in arrivo il supporto ai canali di notifica

OneDrive per Android si prepara a ricevere un nuovo aggiornamento software, nel tentativo di aggiungere alcune nuove funzionalità all’applicazione per gli smartphone col sistema operativo mobile di Google.

Microsoft ha infatti in cantiere la versione 5.2 del suo client storage e backup, anche se – almeno per il momento – non v’è ancora traccia sul Play Store. Una mancanza che giocoforza sarà colmata già a partire dai prossimi giorni, dal momento che sono pressoché certe le novità distintive dell’aggiornamento. Spicca, in primo luogo, un miglior supporto ad Android Oreo e delle annesse funzionalità inaugurate da Google con l’ultima versione del “robottino verde”. Ci riferiamo, ad esempio, alla piena compatibilità con i nuovi canali di notifica di Android che permetteranno agli utenti di prendere il controllo delle loro notifiche e scegliere in maniera più specifica quali avvisi ricevere.

Il nuovo aggiornamento di OneDrive per Android farà sì che gli utenti saranno in grado di impostare una risposta a vari livelli, a seconda delle circostanze di riferimento: si potrà scegliere, ad esempio, tra urgente, alto, medio, basso, oppure per la sola spia di notifica o vibrazione. Ecco comunque alcuni dei livelli e delle opzioni che il nuovo OneDrive per Android inaugurerà con la versione 5.2:

  • Urgente: suono di avviso e visualizzazione dello schermo;
  • Alto: solo suono di avviso;
  • Medio: nessun suono;
  • Basso: nessun segnale acustico o visivo;
  • Suono: imposta qualsiasi suono supportato come tono di notifica per il canale;
  • Luci: spia di notifica hardware;
  • Vibrazione: avviso di vibrazione;
  • Comportamento del blocco schermo: selezionare se deve apparire o meno una notifica sulla schermata di blocco;
  • Override non disturbare: selezionare se una notifica dovrebbe ignorare qualsiasi impostazione di suono legata al non disturbare.

Chiaramente le impostazioni di cui trattasi saranno accessibili soltanto su tutti gli smartphone aggiornati ad Android 8.0 Oreo e successivi, visto che la funzionalità legata ai canali di notifica è circoscritta all’ultima versione del sistema operativo mobile di Google.