Microsoft Teams girerà nativamente sui Mac con SoC Apple Silicon

Microsoft ha annunciato che il suo servizio di comunicazione, Teams, ora funziona in modo nativo sui Mac Apple Silicon.

Ciò significa che i possessori del nuovo MacBook Air, un MacBook Pro, un iMac da 24 pollici o un Mac Studio alimentato dalla famiglia di processori Apple M1 o M2, potranno sfruttare l’app alla massima velocità sfruttando le prestazioni dei nuovi processori.

In precedenza, l’app era progettata per processori Intel, quindi per funzionare su Apple Silicon, avrebbe dovuto passare attraverso il livello di compatibilità Rosetta 2, che spinge le prestazioni senza però una vera ottimizzazione dedicata.

L’app nativa garantirà offrirà “un aumento significativo delle prestazioni, garantendo un uso efficiente delle risorse del dispositivo” e anche un’esperienza complessiva più ottimizzata.

Secondo Microsoft, la versione nativa di Apple Silicon di Teams verrà distribuita gradualmente a tutti nel corso dei prossimi mesi. Quindi si, tecnicamente è già disponibile, ma il rollout sarà molto graduale quindi l’adozione non sarà veloce.

Apple ha introdotto per la prima volta i Mac Apple Silicon alla fine del 2020 e questi processori si basano sull’architettura Arm, lo stesso tipo di processore che alimenta gli smartphone di oggi. Questi sono molto diversi dai processori Intel, motivo per cui è necessario un livello di compatibilità: i dispositivi Windows basati su Arm (con processori Qualcomm) affrontano problemi simili, tuttavia i nuovi processori di Apple stanno godendo di un supporto decisamente maggiore. Negli ultimi due anni, abbiamo visto molte app aggiungere il supporto nativo per Apple Silicon, inclusi alcuni dei servizi di Microsoft. Ad esempio, il client di sincronizzazione di OneDrive per Mac ha aggiunto il supporto per Apple Silicon lo scorso anno.

Fonte

 

Ultimi pubblicati

Articoli di Interessa