Huawei: ulteriori conferme sulla vendita di Honor, accordo da 15 miliardi di dollari?

Huawei: ulteriori conferme sulla vendita di Honor, accordo da 15 miliardi di dollari?

Continuano a rafforzarsi le indiscrezioni relative alla fantomatica vendita di Honor da parte di Huawei, che oggi vengono avvalorate da una fonte altrettanto importante del panorama giornalistico, Reuters.

L’accordo, secondo la fonte, sarebbe stato già raggiunto con successo e le informazioni rese note parlano anche di una cessione definitiva del brand per una cifra pari a 100 miliardi di yuan (circa 15,2 miliardi di dollari).

Digital China, nome che era già emerso nelle precedenti indiscrezioni risalenti al mese di ottobre, dovrebbe guidare la join venture.

La testata cinese Diankeji afferma che il gruppo avrebbe già raggiunto l’accordo per la vendita con la società di investimenti Shenzhen SASAC, la quale avrebbe formato una joint venture con alcuni distributori telefonici piuttosto importanti sul mercato cinese: Putian, Tianyin, China Post, e Aishide. L’annuncio della vendita dovrebbe arrivare il 20 novembre 2020.

Al momento Honor si è rifugiata dietro al più classico dei “no comment”, cosa che implicitamente sembra confermare l’effettiva vendita. Al momento però parliamo comunque di indiscrezioni, quindi vi invitiamo a prendere con le pinze fino a nuova comunicazione.

Secondo l’analista Ming-chi Kuo, la cessione di Honor potrebbe permettere al brand di divincolarsi dal ban emesso dagli Stati Uniti, poiché diventerebbe completamente autonomo. Così facendo l’azienda potrà tranquillamente rifornirsi, senza che il blocco emesso dagli USA intacchi le sue operazioni.

Ovviamente gli Stati Uniti potrebbero comunque rispondere a questa mossa inserendo Honor nella lista nera, tagliandola da eventuali operazioni. Da rammentare poi la recente ascesa di Biden a Presidente degli Stati Uniti, la cui decisione in merito alla vicenda del ban è ancora ignota.

Fonte

Rispondi