Google Chrome supporta WebGPU e promette rivoluzioni

Google ha annunciato ufficialmente che Chrome adesso supporta WebGPU come impostazione predefinita in Chrome 113, che è attualmente nel canale Beta.

WebGPU è una nuova API per la grafica web che offre vantaggi significativi come un carico di lavoro JavaScript notevolmente ridotto per la stessa grafica e miglioramenti di oltre tre volte nelle inferenze del modello di machine learning. Ciò è possibile grazie alla programmazione GPU più flessibile e all’accesso a funzionalità avanzate che WebGL non fornisce.

Questa versione iniziale di WebGPU è disponibile su ChromeOS, macOS e Windows. Il supporto per altre piattaforme arriverà entro la fine dell’anno.

WebGPU è una nuova API per il Web, che espone le moderne funzionalità hardware e consente operazioni di rendering e calcolo su una GPU, simile a Direct3D 12, Metal e Vulkan. A differenza della famiglia di API WebGL, WebGPU offre l’accesso a funzionalità GPU più avanzate e fornisce un supporto di prima classe per calcoli generali sulla GPU. L’API è progettata pensando alla piattaforma Web, con un’API JavaScript idiomatica, integrazione con le promesse, supporto per l’importazione di video e un’esperienza di sviluppo raffinata con ottimi messaggi di errore.

Questa versione iniziale di WebGPU funge da elemento costitutivo per futuri aggiornamenti e miglioramenti. L’API offrirà funzionalità grafiche più avanzate e gli sviluppatori sono incoraggiati a inviare richieste per funzionalità aggiuntive . Il team di Chrome prevede inoltre di fornire un accesso più approfondito ai core degli shader per ulteriori ottimizzazioni dell’apprendimento automatico e un’ergonomia aggiuntiva in WGSL, il linguaggio di ombreggiatura WebGPU.

WebGPU è il risultato di uno sforzo collaborativo del gruppo della comunità “GPU per il Web” del W3C , che include contributi di importanti aziende come Mozilla, Apple, Intel e Microsoft. Dopo sei anni di sviluppo, dalla progettazione iniziale nel 2017, la prima implementazione è ora disponibile in Chrome, con il supporto per Firefox e Safari già in fase di sviluppo.

Altri articoli

Come creare una postazione di smart working nella propria camera

Conosciuto, apprezzato e utilizzato come tipologia di lavoro in...

I migliori dispositivi mobili da acquistare

Vivendo oggi nell’era tecnologica, il mondo sta compiendo passi...

Giulio Stella lancia il corso SEO per le aziende con gstarseo.it

La SEO (Search Engine Optimization), è un campo in...

Minacce emergenti: come mantenere sicura la tua rete aziendale

La sicurezza delle reti è una delle sfide più...