Brave Search: la novità per gli utenti Google

Brave Search: la novità per gli utenti Google

Google è stato il re indiscusso dei motori di ricerca per decenni, con i magri tentativi di Microsoft di lanciare il browser Duckduckgo incentrato sulla privacy: il solo risultato ottenuto è stato quello di non riuscire a convincere gli utenti.

Le stime di dominanza globale di Google sono stimate tra il 70% eil 90%: questi sono i numeri degli utenti complessivi che decidono, chiaramente, di utilizzare Google come browser principale (sebbene Bing di proprietà Microsoft sembri aver guadagnato terreno negli ultimi due anni).
In questo panorama generale, sia gli utenti che le autorità di regolamentazione stanno chiedendo una maggiore sicurezza e una migliore privacy. Per questo motivo la società creatrice del browser di nome Brave (convenzionato dalle criptovalute) ha lanciato un nuovo motore di ricerca molto promettente. Sarà un’alternativa privata e trasparente rispetto la tecnologia di sicurezza di Google basata su ad e pubblicità.

Brave Search, che è stato lanciato in beta questa settimana, tenta di utilizzare il proprio indice indipendente del web per funzionare senza fare affidamento su altri indici, sostenendo che “non tiene traccia degli utenti, delle loro ricerche, o dei loro clic.”

A differenza dei vecchi motori di ricerca che monitorano e profilano gli utenti, o dei nuovi motori di ricerca che sono per lo più una rivisitazione grafica di motori più vecchi e non hanno i loro indici, Brave Search offre un nuovo modo per ottenere risultati rilevanti con un indice basato sulla community, garantendo al contempo la privacy,” ha detto Brendan Eich, amministratore delegato di Brave che è l’ex capo del creatore di Mozilla Firefox, in una dichiarazione che annuncia il lancio di Brave Search.

Tuttavia, se Brave non è in grado di produrre risultati rilevanti, spingerà verso altri fornitori. I risultati saranno caratterizzati da una “metrica di indipendenza di ricerca” che visualizzerà il rapporto dei risultati provenienti esclusivamente dall’indice di Brave.

Brave Search diventerà la ricerca predefinita nel browser Brave entro la fine dell’anno, ma può essere raggiunto tramite search.brave.com, il che significa che gli utenti non hanno bisogno di passare al browser di Brave per usarlo.

Brave Search
La pagina di benvenuto del browser.

Mentre il browser di Brave ha ancora una quota di mercato trascurabile del business globale dei browser, è sicuramente in crescita. Ora vanta 32 milioni di utenti attivi mensili, rispetto i 25 milioni di Marzo 2020.

Brave Search è il motore di ricerca più privato del settore, così come l’unico motore di ricerca indipendente, dando agli utenti il controllo e la fiducia che cercano in alternative alla grande tecnologia“, ha aggiunto Eich. “Brave Search riempie il vuoto presente nel mercato di oggi poiché milioni di persone hanno perso la fiducia nel rispetto della privacy e attivamente cerca soluzioni per controllare i propri dati.”

Brave sostiene che non vi sarà la visualizzazione di annunci durante “questa prima parte” della beta di Brave Search, ma prevede di offrire sia un servizio ad-free sia di ad-supported in seguito. Prevede quindi di includere il supporto alle criptovalute.

“Quando siamo pronti, esploreremo portando annunci privati con la criptovaluta BAT” l’azienda ha dichiarato nel suo comunicato stampa di lancio.

Fonte: Forbes

 

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.