YouTube Music: arriva la riproduzione locale dei file!

YouTube Music: arriva la riproduzione locale dei file!

Con un nuovo aggiornamento pubblicato nelle ultime ore, Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento per il suo YouTube Music, abilitando finalmente la funzione di riproduzione dei file salvati in locale sul dispositivo.

Già da qualche mese ne abbiamo parlato in maniera ricorrente nei nostri articoli dedicati all’applicazione, che Google sembra intenzionata a rilanciare per soppiantare il vecchio Play Music.

La funzione di riproduzione era stata già introdotta in tempi non sospetti, ma era bloccata. con il nuovo aggiornamento adesso numerosi utenti stanno segnalando il funzionamento di tale feature.

Si tratta chiaramente di una funzione che verrà integrata progressivamente a tutti nel corso delle prossime settimane.

Per chi non avesse seguito i nostri articoli dedicati, con la nuova funzione adesso è possibile riprodurre o file MP3 o altri tipi di formati audio direttamente dalla memoria interna del dispositivo, o da una scheda esterna microSD. L’importante in ogni caso, è abilitare l’applicazione di YouTube Music come player predefinito.

L’arrivo su Google Home

L’applicazione ha fatto il suo esordio anche sui Google Home, ma con qualche leggera ma importante differenza rispetto alle altre versioni di YouTube Music attualmente disponibili.

Sugli speaker di Google infatti l’applicazione è accessibile in maniera gratuita, ma con qualche prevedibile compromesso. Partiamo infatti dal presupposto che, al momento dell’attivazione gli utenti dovranno accettare le condizioni di utilizzo, e tra queste vi saranno anche i banner pubblicitari che si intervalleranno tra la riproduzione dei vari brani musicali.

Fin qui parliamo di una limitazione piuttosto prevedibile, simile a quella di Spotify, tuttavia il secondo limite imposto da Google riguarda l’impossibilità di scegliere in maniera specifica  gli artisti o il brano desiderato. Una funzione che verrà sbloccata solo al momento dell’attivazione di una sottoscrizione premium.

Fino a quel momento l’assistente virtuale di Google si limiterà a riprodurre in maniera casuale la musica attingendo da un genere desiderato. In un modo o nell’altro quindi Google vuole cercare di stimolare gli utenti a sottoscrivere l’abbonamento, una scelta ovviamente sensata.

Per attivare YouTube Music basterà recarsi alla voce “Impostazioni account” dall’applicazione di Google Home, selezionare “Servizi” e, successivamente, Musica. Da qui basterà poi selezionare il player di YouTube Music come default.

Fonte