Tell your story the TikTok way: consigli per raccontare il tuo brand in modo efficace

Tutti conoscono TikTok e il grande potenziale di questa piattaforma unica nel suo genere. Dal suo esordio nel 2018 si è affermata in breve tempo come leader di intrattenimento e ha conquistato persone di ogni genere ed età con i suoi contenuti snackable. Ma perché funziona così bene? È semplice, ha cambiato le regole del gioco sia per gli utenti che per i brand. Vediamo come. 

Per molto tempo gli influencer hanno acquisito popolarità su Instagram per via del loro seguito e sono state le uniche figure autorevoli al centro della scena. Ora, invece, su TikTok questo paradigma non vale più. Al contrario, si tratta di un canale molto democratico in cui la visibilità non viene concessa per logiche di notorietà, ma semplicemente per aver condiviso contenuti con altri utenti dando vita a interazioni di qualità. 

Le dinamiche di questo social hanno favorito la comparsa di innumerevoli community, ovvero gruppi di persone legate da passioni di ogni tipo, che realizzano spontaneamente video su marchi e prodotti. Il risultato? La nascita continua di trend, must have e buzz mediatico che trova eco in oltre 1 miliardo di individui che utilizzano giornalmente la piattaforma. In questa ampia varietà di community a disposizione, ogni brand può trovare la propria nicchia di riferimento e avviare campagne di successo anche grazie al supporto creativo-strategico e all’expertise di agenzie come Daimon

Non ci resta che vedere qualche esempio di subcultura presente sulla piattaforma.  

Le community, il cuore pulsante dell’app

Interior design, beauty, uncinetto e persino stregoneria: TikTok è un social in cui poter vivere liberamente le proprie passioni, ecco perché ogni community, anche la più particolare, trova il proprio spazio. Per darvi un’idea, ecco una raccolta delle più influenti:

  • #BookTok è la community che ha riscontrato maggiore successo offline, diventando un vero e proprio fenomeno mediatico per via dell’influenza esercitata sul settore dell’editoria. L’hashtag conta oltre 87 miliardi di views e raggiunge un pubblico molto vasto con recensioni, consigli di appassionati e tanto altro, portando sempre più clienti nelle librerie. Fateci caso, ultimamente è comune vedere nei negozi cartelli o spazi dedicati che segnalano i libri suggeriti dalla piattaforma. 
  • #SkinTok, così come #BeautyTok, è un’altra delle community più seguite costituita da amanti della skincare e del benessere della persona. L’hashtag conta oltre 7.8 miliardi di views e viene popolato ogni giorno da video tips per migliorare la salute della pelle, review autentiche, daily routine e tanto altro. Questa audience è molto sensibile alla qualità dei prodotti, non a caso le parole d’ordine sono inci e trasparenza.
  • #RunTok è il punto di ritrovo per tutti gli amanti della corsa. Lo sport, infatti, così come la moda, è uno dei topic che sta più a cuore agli utenti. All’interno di questa community troviamo esercizi per ogni livello di preparazione, video ispirazionali e informazioni utili per scegliere abbigliamento tecnico e scarpe adeguate.
  • #MomsOfTikTok è una community molto vasta formata da mamme che desiderano confrontarsi con altri genitori e condividere consigli sull’educazione dei bambini. Gli argomenti trattati al suo interno sono innumerevoli e spaziano dall’alimentazione alla scelta dei giocattoli, fino all’educazione montessoriana. 

Quel che accomuna tutte le community è il fatto di essere caratterizzate da un proprio linguaggio – emoji, espressioni e battute divertenti – , ma al tempo stesso lasciarsi arricchire e contaminare dai topic di interesse di altri gruppi, generando contenuti ibridi. Alla luce di questo, come fanno i brand a inserirsi in modo naturale nelle conversazioni già avviate dalle community? 

Per prima cosa è fondamentale rispettare la grammatica della piattaforma e le sue best practice, tra le più importanti ricordiamo: la realizzazione di contenuti a partire dal suono – il medium su cui si basa gran parte della comunicazione del canale – , l’uso di transizioni e testi in sovrimpressione e, infine, la costanza di seguire i trend che nascono ogni giorno sull’app. Per poter utilizzare al meglio TikTok, infatti, è importante conoscerne i segreti. Scopriamo insieme i principali. 

I 5 pilastri di TikTok

Come abbiamo detto, i pillar su cui si basa TikTok hanno rivoluzionato le modalità di creazione e fruizione dei contenuti con un forte impatto sul modo in cui i brand e gli utenti si relazionano

Il primo valore responsabile di questo nuovo assetto lo abbiamo già conosciuto, è la nicchia o community. Su TikTok chiunque può essere protagonista e portavoce della sua passione. Ciò significa che le persone con cui si interfaccia un’azienda sono abituate a esprimere se stesse liberamente e in modo autentico e si aspettano che anche i marchi facciano altrettanto, lasciando emergere la loro parte più intima e umana. 

Passiamo poi alla fluidità, parola che riassume la natura variegata e in continuo mutamento della piattaforma. Ogni giorno il feed di TikTok viene popolato da trend e contenuti sempre differenti, che offrono spunti preziosi agli utenti e li invitano a uscire dalla propria comfort zone. Questo cosa comporta? Il fatto che le persone siano sempre più disposte a mettersi in gioco e a rispondere a stimoli creativi, come le brand challenge

L’accessibilità, invece, descrive quanto sia semplice entrare a far parte di TikTok. I requisiti necessari, infatti, sono un telefono e tanto spirito creativo, il resto viene da sé. 

Passiamo poi alla collaborazione: non devi per forza creare contenuti da zero, ma puoi iniziare interagendo con quelli già presenti grazie alla funzione duetto. La co-creazione è una tecnica che consente a utenti e brand, di inserirsi in conversazioni già avviate, farsi conoscere e apportare valore aggiuntivo al contenuto. 

E, infine, come ultimo pilastro abbiamo l’intimità. In ogni relazione che si rispetti, come quella tra brand e target, la sincerità e l’autenticità devono essere alla base. Le persone, infatti, vogliono conoscere la vera natura del marchio, i suoi valori e retroscena. 

Ora non ti resta che provare: sei pronto a raggiungere i tuoi prossimi obiettivi con una strategia TikTok oriented?

Altri articoli

Come creare una postazione di smart working nella propria camera

Conosciuto, apprezzato e utilizzato come tipologia di lavoro in...

I migliori dispositivi mobili da acquistare

Vivendo oggi nell’era tecnologica, il mondo sta compiendo passi...

Giulio Stella lancia il corso SEO per le aziende con gstarseo.it

La SEO (Search Engine Optimization), è un campo in...

Minacce emergenti: come mantenere sicura la tua rete aziendale

La sicurezza delle reti è una delle sfide più...