Site Isolation: Chrome si prepara a consumare più RAM

Site Isolation: Chrome si prepara a consumare più RAM

Consumare più RAM ed eliminare la condivisione del processo, finalmente tutte le schede del browser avranno tutte un loro unico processo: ecco in arrivo la nuova novità di Google Chrome, una vera rivoluzione sul mercato.

Tra pochi mesi sarà introdotta definitivamente la nuova funzione “Site Isolation“ su Chrome 67: secondo voci autorevoli del settore, l’obiettivo è quello di inibire all’intero browser di chiudersi nel caso in cui una scheda si blocchi improvvisamente e vada “in crash”, secondo il gergo informatico.

Grazie all’esecuzione di più processi si può definitivamente bloccare ed inibire ai malware di venire a contatto con i dati presenti su un’altra scheda.

Infatti, se fino a questo momento si è fatto affidamento ad un “unico processo” per ogni scheda, con la neonata funzione Site Isolation tutto questo cambierà e, per ogni sito verrà creato un nuovo processo.

Il vantaggio è una maggiore sicurezza per gli utenti e, dall’altro lato della medaglia, occorre considerare anche un punto di debolezza: il maggiore uso della RAM o memoria di sistema di circa il 10/20%.

In effetti, non si tratta solo dell’unica novità in arrivo per la grande: il Chrome Web Store non accetterà, a partire dal mese di luglio, le estensioni che contengono script per l’attività di “estrazione” delle monete digitali del calibro del Bitcoin, Ethereum, Litecoin, etc.

Se fino a questo momento la società di Mountain View permetteva l’utilizzo di estensioni che avessero come unico scopo l’attività di “mining” delle criptovalute, ora la grande G cambia idea.

Si tratta di un cambiamento necessario a seguito del proliferare sul mercato di nuove estensioni legate alla blockchain delle valute digitali senza alcun consenso dell’utente. Una necessità ed una rivoluzione importante per i trader e per gli utilizzatori di valute digitali come strumento di pagamento digitale.

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.