OnePlus 9: l’ultima open beta conferma l’esistenza dello smartphone

OnePlus 9: l’ultima open beta conferma l’esistenza dello smartphone

OnePlus 9, il prossimo flagship dell’azienda cinese, siamo certi che arriverà il prossimo anno e la conferma della sua esistenza giunge direttamente dalla open beta 3 di OnePlus 8.

All’interno del codice della beta è infatti saltato fuori il nome di OnePlus 9 e nello specifico si menziona una versione USA a marchio Verizon. Tutto ha sicuramente un senso, considerando che l’azienda ha lavorato attivamente in partnership con l’operatore telefonico americano nel corso degli ultimi anni.

L’ultima release in collaborazione Verizon è stata la variante speciale di OnePlus 8 5G UW, dotato di antenne mmWave in grado di supportare rete 5G Ultra Wideband.

Sempre tra le righe del codice, si conferma anche l’esistenza di una variante Pro di OnePlus 9 che monterà a bordo un processore targato Qualcomm. Il nome del processore non viene esplicitamente dichiarato, ma il suo nome in codice è “SM8X50”. Con estrema probabilità potrebbe trattarsi proprio del nuovo processore Snapdragon 875, il cui reveal sarebbe previsto entro la fine del 2020, durante uno dei prossimi eventi di Qualcomm.

Queste le novità introdotte nella open beta 3 di OnePlus 8 e 8 Pro:

  • Sistema
    • ottimizzato il design della UI delle chiamate
    • ottimizzato il meccanismo di gestione del processo in background per migliorare le prestazioni sandy-by
    • corretto il problema del testo bloccato in alcuni giochi
    • ottimizzato il problema del blocco del testo di input in alcuni giochi
    • migliorata la stabilità del sistema e corretti alcuni problemi generali
    • aggiornamento alle patch di sicurezza di ottobre
  • Ambient Display
    • ottimizzato l’effetto di animazione con Canvas, rendendo l’esperienza di sblocco più fluida
    • Canvas supporta ora l’ambient display Always-on (Impostazioni > Ambient Display > ambient display Always-on > Tutto il giorno)
  • Zen Mode
    • corretto il problema poco frequente per cui l’interfaccia delle impostazioni di sistema si bloccava quando la Zen Mode era attivata

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.