Gmail per Android consente ora di cancellare email già inviate

Gmail per Android consente ora di cancellare email già inviate

Ipotizziamo d’aver scritto, con Gmail per Android, proprio al nostro capo e d’aver accidentalmente sbagliato a digitare una parola col risultato di stravolgere totalmente (e, non c’è bisogno di dirlo, in peggio!) il senso di quanto inviato. Cosa fare in questo caso? Certo, possiamo sempre far seguire all’incauto messaggio una mail di scuse in cui chiariamo l’accaduto, dando ovviamente la colpa al gatto che è venuto a graffiarci proprio nel momento in cui stavamo editando. Ma se esistesse un modo più efficace di rimediare al danno?

Ebbene, a questo proposito risulterà utile ricordare che se il nostro dispositivo Android è provvisto di una versione di Gmail pari o superiore alla 8.7 (la versione con la quale le feature è stata di fatto introdotta circa un mese fa), sarà possibile disfarci della missiva e rimuoverla definitivamente dalla posta in arrivo del destinatario di turno.

Intanto precisiamo che prima ancora di ricorrere all’espediente dell’eliminazione è anche consentito bloccare la trasmissione ancora in corso del contenuto: in fondo alla schermata, dopo aver cliccato sul tasto di Invio, possiamo infatti notare una barra nera. Sulla sinistra della barra appare, di colore bianco, la dicitura “Invia”, mentre sulla destra – in giallo – la scritta “Annulla”. Se riusciamo ad accorgerci dell’errore immediatamente, è probabile che facciamo in tempo ad avvalerci direttamente della funzione di annullamento dell’operazione stessa, evitando così che il messaggio venga mai spedito. Se invece non facciamo in tempo a intervenire nei pochi secondi a nostra disposizione per fruire dell’opzione, quest’ultima si modifica in automatico dandoci l’opportunità di eseguire un vero e proprio undo, permettendoci cioè di richiamare l’email e far sì che essa venga materialmente rimossa dall’inbox del nostro contatto nonostante sia stata effettivamente già inviata.

Anche per questa seconda opzione il tempo a disposizione è limitato (abbiamo solo 7- 8 secondi), e dopo averla utilizzata veniamo reindirizzati alla sessione di composizione perché possiamo correggere il testo e inoltrarlo nuovamente.

Google ha anche aggiornato la sua pagina di supporto per integrare la nuova funzione. Chi fosse interessato a raggiungere direttamente il comunicato originale può accedervi attraverso il link dedicato.

Fonte: Phone Arena