Fareste a meno di Facebook? Steve Wozniak si

Fareste a meno di Facebook? Steve Wozniak si

Un quesito solo apparentemente banale e superficiale: voi ad oggi fareste a meno di Facebook anche alla luce dei recenti avvenimenti di Cambridge Analytica? In attesa di poter dare una risposta a questa domanda, il co-fondatore di Apple Steve Wozniak a quanto pare ne farà volentieri a meno almeno per un pò. Wozniak infatti ha disattivato il suo account Facebook dopo i recenti avvenimenti sullo scorretto trattamento dei dati personali di milioni di utenti, scandalo che ha sommerso il social network di critiche feroci e mentre Mark Zuckerberg e la sua “banda” cercano un rimedio, qualcuno ha deciso di non utilizzarlo in segno di protesta.

Wozniak infatti oltre ad aver disattivato l’account, con la riserva di poterlo riattivare a breve, ha sposato in pieno le critiche di Tim Cook di qualche tempo fa che accusava appunto Facebook di trattare male i dati personali dei propri utenti, facendolo in maniera ingannevole:

Gli utenti forniscono ogni dettaglio delle loro vite a Facebook e… Facebook da questo fa un sacco di soldi con la pubblicità. I profitti sono tutti basati sulle informazioni dell’utente, ma gli utenti non ricevono alcun profitto. Apple trae i suoi ricavi da buoni prodotti, non da te. Come si suol dire, con Facebook il prodotto sei tu.

Ora fermo restando che la politica di Facebook, anche se non chiara a tutti, è sempre stata questa ovvero ricavare profitti dai propri utenti anche se in maniera indiretta, sembra proprio che mezza America abbia iniziata una vera e propria crociata contro il social network che sta comunque cercando di adottare delle strategie per evitare eventuali perdite profonde. A livello europeo, Italia compresa, tutto sembra tacere nonostante tra gli utenti violati ci siano anche europei e italiani.

La perdita di Wozniak sarà un ulteriore danno di immagine per Facebook?

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.