E-commerce, la sfida delle vendite online al tempo dell’emergenza

E-commerce, la sfida delle vendite online al tempo dell’emergenza

Precisione e velocità sono due elementi imprescindibili che si legano a doppio filo con il concetto di e-commerce. Oggi più che mai, visto che in queste settimane di impegno comune, durante le quali le persone stanno vivendo una quotidianità anomala nel segno della vita domestica e di spostamenti ridotti all’osso, occorre farsi trovare preparati per soddisfare presto e bene le necessità di chi non vuol rinunciare a fare acquisti.

Si tratta di un modo intelligente per non fermare la filiera produttiva, tentando per quanto possibile di aggirare le difficoltà legate ai negozi fisici, l’accesso ai quali è divenuto in pratica off limits. Il commerciante che finora non abbia approfittato della possibilità di aprire una ‘vetrina online’, per potenziare le sue vendite, potrà senza dubbio cogliere l’occasione di agire in questo senso e valutare la creazione gratuita di un sito ecommerce. Si tratta di una soluzione molto intuitiva e facile da scoprire, alla portata di chiunque.

Il motivo è presto detto: non sono necessarie competenze specifiche dal lato informatico per assicurarsi una perfetta gestione della piattaforma. Aprire il negozio virtuale consentirà – in pochi passi – di ottenere subito un importante vantaggio competitivo. La domanda di acquisti online è cresciuta a dismisura e occorre leggere questo dato con lungimiranza digitale: investire il proprio tempo per l’apertura di un e-commerce rappresenta la chiave di volta del business.

Le regole per la corretta gestione della vetrina virtuale

Quando si dice che l’esperienza si matura sul campo si intende la possibilità di mettersi alla prova direttamente nello svolgimento di determinate attività, che sono di per sé formative. Una regola che sul pianeta digitale può essere legata all’apprendimento della gestione di un e-commerce. Questa esperienza per un imprenditore è un’immersione a 360 gradi nella realtà del web.

Occorre fare mente locale anche sul fatto che sarà importante dedicarsi alla creazione di contenuti di qualità – testuali ma anche grafici e video – nella presentazione dei prodotti. Questo potrà aiutare a diversificare la propria offerta, garantendo una fidelizzazione del pubblico: occorre immaginare la piattaforma digitale come un negozio reale. Serve una bella insegna luminosa, i prodotti devono essere esposti in modo accattivante in vetrina e l’imprenditore deve essere sempre presente per soddisfare dubbi e curiosità.

Riuscire a garantire la possibilità di compiere degli acquisti, stando a casa, in questo periodo di emergenza ha anche un significato profondamente sociale: assicurare un assaggio di normalità nel quotidiano può aiutare a superare le giornate più difficili. Occorre ricordare che bisogna mantenere una linea ben definita, senza strafare, specie se nell’ambito digital si è alle prime armi. Per esempio non bisogna pensare di far meglio aumentando l’offerta di prodotti, perché il rischio è diventare dispersivi creando un assortimento poco omogeneo.

Per aumentare il traffico di qualità una corretta strategia di content marketing sarà la soluzione vincente: i contenuti dovranno essere calibrati per il potenziale pubblico, questo consentirà di aumentare lo spettro di argomenti dei quali parlare. Riuscire a definire il proprio target è essenziale, anche perché ciò consentirà di definire la personale nicchia ancora più a fondo, scoprendo eventualmente anche altre specificità.

One thought on “E-commerce, la sfida delle vendite online al tempo dell’emergenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.