Xiaomi Mi5S Plus, doppia fotocamera testata da DxOMark

Xiaomi Mi5S Plus, doppia fotocamera testata da DxOMark

Xiaomi Mi5S Plus è stato introdotto lo scorso anno, nel tentativo di migliorare ulteriormente un modello originario (Xiaomi Mi5, per l’appunto) capace di raggranellare consensi ed apprezzamenti in via generale. Una evoluzione che lascia intatti alcuni paradigmi salienti, modificando per converso uno dei comparti più in voga dell’ultimo periodo: quello fotografico. Xiaomi non si infatti soltanto limitata a cambiare processore (Snapdragon 821 in luogo al comunque affidabile Snapdragon 820), ma ha soprattutto implementato un doppio sensore sul dorsale posteriore dello smartphone, allineandosi e seguendo la tendenza dei principali competitors del segmento mobile.

L’intenzione è presto detta: migliorare le performance di Mi5. Eppure, stando ai risultati condotti in questi ultimi giorni dall’esperto DxOMark, sembrerebbe che le parole non siano andate di pari passo con i fatti. Xiaomi Mi5S Plus ottiene infatti 78 punti, valore quest’ultimo ben lontano ai più rinomati dispositivi mobile (Google Pixel guida la speciale classifica dall’alto dei suoi 89 punti) e addirittura inferiore di un punto allo stesso Mi5, che in teoria avrebbe dovuto migliorare.

Nella ripartizione dei punti di forza e dei punti deboli della fotocamera del dispositivo, DxOMark pone innanzitutto l’accento sulla gamma dinamica delle immagini con l’HDR abilitato, nonché foto vivide e con brillanti colori in condizioni di buona illuminazione; la messa a fuoco è anche molto stabile e precisa, specie in condizioni di luce intensa, e il flash sembra inoltre comportarsi egregiamente.

Xiaomi Mi5S Plus – che dispone di due sensori da 13 megapixel è firmati Sony, con la tradizionale configurazione composta da un sensore RGB e l’altro in bianco e nero – non è tuttavia esente da critiche. DxOMark rileva infatti una precaria ombreggiatura del colore alla luce artificiale od in spazi aperti, così come un eccessivo rumore e perdite di dettaglio nelle scene in scarsa illuminazione. Un insieme di fattori che insomma aggravano e, per converso, mettono in chiaroscuro le performance di Xiaomi Mi5 Plus, che scivola in graduatoria e si affianca a dispositivi del 2014 e 2015, come Nexus 6 e HTC One A9.

Potete ad ogni modo leggere integralmente l’analisi di DxOMark al SEGUENTE link, mentre cliccando QUI potrete prendere visione della scheda tecnica dello smartphone.