Vendite smartphone in fase di stallo: cade Apple, sì al low-cost cinese

Vendite smartphone in fase di stallo: cade Apple, sì al low-cost cinese

Sembra esser volto al termine il periodo in cui le vendite smartphone facevano da motore trainante nel mercato, in ossequio a roboanti numeri e ad un volume di traffico caratterizzato da tanti zeri sull’unghia. Il futuro è la realtà virtuale, ed a sottolinearlo è un produttore attivo nel campo mobile (leggasi HTC, nello specifico), che ha ripreso e confermato le previsioni abbozzate in precedenza dagli analisti. La debacle di Apple raggranellata soltanto qualche giorno addietro – la prima dopo 13 anni fruttuosi ed imperniati di utili – costituisce sostanzialmente l’ulteriore prova (forse la più evidente) di un mercato giunto ormai al suo tetto massimo e forse pronto ad interrompere mestamente la propria affannosa corsa. Gli analisti di IDC usano il termine <<piatto>> per descrivere le vendite smartphone inerenti ai primi tre mesi del 2016, eppure bisognerebbe muoversi con i piedi di piombo prima di abbozzare fantomatiche e drastiche conclusioni, allorché i dispositivi smerciati nel detto periodo restano sempre 335 milioni. Quantitativo in calo se rapportiamo lo score all’anno d’oro di qualche anno fa, ma pur sempre mastodontico e d’effetto.

Certo è che se un gigante come Apple è costretto a frenare bruscamente nella vendita dei propri iPhone – la prima volta dal 2007 – sembra evidente come la fruttuosa macchina degli smartphone si sia quantomeno inceppata. Rispetto al Q1 2015 si registra un lieve aumento dello 0,2% nella fetta di dispositivi diffusi sul mercato (corrispondente alla quota di 334,9 milioni di unità, contro i 334,4 del Q1 2015), ben lontana comunque dagli anni d’oro caratterizzati da una percentuale a <<due cifre>>. E la crisi di Apple è sostanzialmente la medesima registrata dai player più in voga del mercato: il rivale Samsung, ad esempio, porta a casa un -0,6% (attenuato parzialmente in ragione del buon successo dei nuovi Galaxy S7), ma ha il merito di condurre il mercato a dispetto degli altri competitori: le vendite smartphone Samsung relative al Q1 2016 sono infatti 81,9 milioni, ben superiori rispetto alle 51,2 milioni registrate da Apple ed alle 27,5 milioni di Huawei.

E focalizzando proprio l’attenzione sul crinale cinese, ecco fioccare numeri positivi ed antitetici rispetto al trend raccolto da Apple e Samsung. Il produttore di Shenzhen entra <<a gamba tesa>> nella top five dei produttori, dominato tra le altre cose dalle aziende Vivo ed Oppo, le stesse che a detta di Ming-Chi Kuo dovrebbero scavalcare Apple nell’anno di iPhone 7. Il trittico d’oro cinese è capace di generare numeri positivi, ad iniziare dal mastodontico +153,2% raccolto proprio da Oppo (tradotto in soldoni da 18,5 milioni di smartphone venduti), seguito a ruota da Vivo (123,8%, corrispondente a 14,3 milioni di unità) e da Huawei (+58,4% nel totale di 27,5 milioni di vendite). I numeri distribuiti da IDC mostrano quindi due importanti evenienze: le vendite smartphone sono sostanzialmente piatte, ma l’industria della tecnologia mobile sta aprendo le proprie frontiere ai dispositivi cinesi, dapprincipio bistrattati e adesso elogiati per il loro rapporto qualità-prezzo. Un trend che durerà ancora per qualche anno, allorquando esploderà il settore della realtà virtuale ed i brand attivi in Cina potrebbero frattanto mettere la freccia ai danni degli attuali player più importanti in campo mobile.

via

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.