Pokémon GO, con l’Evento Halloween nuovi ban in arrivo?

Pokémon GO, con l’Evento Halloween nuovi ban in arrivo?

Con l’arrivo dell’Evento di Halloween cominciato ieri, la software house Niantic ha rafforzato i controlli per contrastare le applicazioni di terze parti che ingannano la posizione GPS per ottenere un vantaggio sleale in Pokémon GO.

Finora il team di sviluppo si è limitato ad avvisare i giocatori di non utilizzare applicativi di terze parti, ma nella maggior parte delle volte non sono stati presi provvedimenti. La redazione di PokemonGoHub.net ha scovato una nuova schermata di avvertimento, denominata “Black screen of Death” (tradotto “Schermo Nero della Morte”, che melodrammatici!), che impedisce il login dell’app fino a quando l’applicazione di terze parti non viene rimossa dal dispositivo.

Questo il testo del nuovo messaggio rilevato dal team di PokemonGoHub: “Abbiamo rilevato software che può interferire con il funzionamento di Pokémon GO sul tuo dispositivo. Sono incluse le applicazioni che falsificano la posizione dell’ utente. L’ uso di software non autorizzato che ha un impatto diretto su Pokémon GO costituisce una violazione dei Termini di Servizio di Niantic e può comportare la perdita del tuo account. Sarà necessario disinstallare tali applicazioni per continuare il gioco”.

Il nuovo meccanismo di rilevamento è un algoritmo basato su una blacklist che si rivolge alle applicazioni di localizzazione più popolari. Attualmente tale sistema di controllo è operativo solo sui dispositivi Android. In pratica Niantic ha stilato una vera e propria lista nera delle applicazioni che sono solite falsificare la posizione GPS. È stato segnalato che la schermata di avvertimento viene attivata anche utilizzando un Checker IV di terze parti.

Il problema della falsificazione del GPS attanaglia il videogame sin dai suoi albori ed ha portato alla realizzazione di svariati bot in grado di monopolizzare le palestre, catturare pokémon rari e fare incetta di oggetti ai PokéStop, provocando inevitabilmente un enorme squilibrio tra i vari giocatori di Pokémon GO. Per questo gli sviluppatori del videogame hanno da sempre cercato di eliminare definitivamente il problema introducendo sempre più sistemi di sicurezza in grado di rilevare i giocatori “furbetti” ed eventualmente bannarli dal gioco.