Parallels 17 è ufficiale: supporta Windows 11!

Parallels 17 è ufficiale: supporta Windows 11!

Solo due mesi fa il team di sviluppo dietro a Parallels aveva annunciato di essere nelle prime fasi di lavoro per aggiungere la compatibilità a Windows 11 per i Mac, ed ecco arrivare una notizia che farà contenti tutti: ci sono riusciti!

Corel ha infatti annunciato ufficialmente Parallels 17 per i Mac, una nuova versione che introduce anche il supporto al nuovo sistema operativo di Microsoft, con addirittura la possibilità di eseguire già l’attuale beta di Windows 11 rilasciata in queste settimane per gli utenti iscritti al programma Insiders.

Questa nuova versione di Parallels inoltre introduce anche delle migliori ottimizzazioni al supporto dei Mac dotati del nuovo processore Apple Silicon M1.

L’aggiornamento a Parallels Desktop 17 per Mac costa 49,99 euro per coloro che possiedono la versione precedente dell’applicazione, mentre si passa a 79,99 euro l’anno per coloro che non ne possiedono una licenza. L’acquisto di una licenza permanente invece è di 99,99 euro, ma vi garantisce l’uso illimitato.

Ecco le novità di Parallels 17:

  • [novità] Sviluppato per macOS 12 Monterey e Windows 11: Parallels Desktop 17 supporterà macOS Monterey come sistema operativo (SO) host e guest e sarà ottimizzato per Windows 11;
  • [miglioria] Aggiornamenti indispensabili a livello di velocità e prestazioni: le applicazioni in esecuzione con Parallels Desktop 17 sui computer Mac con chip Apple M11 e Intel ora funzionano in modo estremamente più veloce ed efficiente. Le osservazioni sulle prestazioni includono:
  • [novità] Driver display per una migliore esperienza di gioco su Windows: il driver per lo schermo migliorato su Parallels Desktop 17 assicura una maggior reattività dell’interfaccia utente di Windows e una riproduzione video sincronizzata. Il nuovo driver aumenta la frequenza dei fotogrammi in molti videogiochi platform d’azione 2D.
  • [novità] Nuove potenti funzionalità per Mac con chip Apple M1: con Parallels Desktop 17, Windows 10 riconosce lo stato della batteria del Mac e consente il risparmio energetico quando il livello della batteria è basso. Il nuovo chip virtuale TPM consente a Windows 10 e 11 di utilizzare BitLocker e Secure Boot per un livello superiore di protezione dei dati. Approfitta del supporto audio multicanale e del rilevamento della presenza del jack con i driver nativi nelle VM Linux. Utilizza comodamente una macchina virtuale Linux nella modalità di visualizzazione a Finestra, grazie al supporto della risoluzione dinamica.
  • [miglioria] Miglioramento della modalità Coherence: adesso gli utenti possono seguire il flusso di lavoro ininterrottamente e senza distrazioni in quanto tutte le schermate di arresto, aggiornamento e di accesso di Windows sono in modalità a finestra, così che gli utenti possano ridurle a icone e rimanere concentrati e produttivi.
  • [novità] Gestore automatico delle risorse: gli utenti possono ora utilizzare il Gestore automatico delle risorse, sviluppato per valutare e consigliare la quantità ottimale di risorse hardware del Mac per le macchine virtuali.
  • [miglioria] Selezione e trascinamento lineare dei contenuti tra Windows e Mac: gli utenti possono ora trascinare qualsiasi testo o immagine tra le applicazioni Mac e Windows, anche tra le applicazioni Windows e macOS Monterey Quick Note (quando sarà disponibile).
  • [miglioria] Esperienza avanzata e supporto dei dispositivi USB: in risposta ai riscontri degli utenti sulla compatibilità dei dispositivi USB con le macchine virtuali, Parallels Desktop 17 per Mac supporta ora USB 3.1, che consente l’utilizzo di ulteriori dispositivi di archiviazione USB4. Ora gli utenti visualizzano il nome familiare del dispositivo nell’interfaccia di Parallels Desktop e possono così identificare velocemente il giusto dispositivo da connettere o disconnettere.

Per il changelog completo vi rimandiamo al sito e il video introduttivo: