Huawei P11: schermo da 5,7″, Kirin 970, 6GB di RAM e 64GB di memoria interna

Huawei P11: schermo da 5,7″, Kirin 970, 6GB di RAM e 64GB di memoria interna

Una fonte cinese ha recentemente “confermato” quelle che potrebbero essere le caratteristiche di Huawei P11. I dispositivi sono molto attesi e dopo il successo della serie Mate 10 tutti siamo curiosi di scoprire cosa ci riserverà la compagnia. Prodotti dotati certamente di caratteristiche simili a Mate 10, per esempio lo schermo avrà ancora una volta un formato di 18:9 ed il SOC dovrebbe ancora essere il Huawei HiSilicon Kirin 970. Entriamo però nel dettaglio grazie a queste ultime informazioni trapelate.

Tutto su Huawei P11

"<yoastmark

Huawei utilizzerà per il top gamma nuovamente il SoC HiSilicon Kirin 970, processore la cui potenza è stata chiaramente messa in mostra su Mate 10. Per tale ragione, come specificato dalla fonte, non dovrebbero esserci problemi a tenere testa i nuovi top gamma che utilizzeranno invece lo Snapdragon 845. Il pannello del prodotto ricoprirà quasi interamente la superficie anteriore. Nel modello più piccolo, visto che attesa anche (come sempre) una variante Plus, si partirà da 5,2″. La variante Plus dovrebbe raggiungere i 5,7″. In questo caso però è stato ribadito che la risoluzione del pannello sarà Full HD+ non arrivando al tradizionale Q-HD. Non temete, agli atti pratici non dovrebbe cambiare assolutamente nulla. L’unica cosa che noterete è un vistoso miglioramento della durata della batteria.

Passando al reparto memoria RAM e memoria interna, non ci sono sorprese importanti, ma con 6GB di memoria RAM dovrebbe essere possibile gestire ogni applicazione senza troppi problemi. Si, è vero, ci sono smartphone, come OnePlus 5T, che dispongono già di 8GB di memoria RAM, ma credeteci, anche 4GB sono sufficienti. Possiamo considerare la necessità di più memoria RAM come psicologica e non un vero problema per il prodotto. Per quanto riguarda il quantitativo di memoria interna si parte da 64GB ma dovrebbero essere tutti di tipo UFS 2.1. Non si ricadrà quindi nel medesimo errore di P10, dove agli utenti è stato nascosto l’utilizzo anche di chip di memoria tecnologicamente più vecchi.