Guida smartphone di seconda mano – Come vendere e acquistare

Guida smartphone di seconda mano – Come vendere e acquistare

Ogni anno vengono proposti nel mercato decine di nuovi modelli di smartphone per ogni fascia di prezzo, ciascuno con nuove interessanti caratteristiche, talmente interessanti da rendere obsoleti i modelli precedenti “vecchi” di un solo anno. Ma talvolta la scimmia, la voglia di provare una nuova interfaccia, un nuovo hardware, un nuovo marchio, ci spinge a sbarazzarci del nostro smartphone precedente e cercarne uno nuovo. Per questo ho cercato di realizzare questa guida dando consigli su come vendere o acquistare uno smartphone di seconda mano, poiché allo stesso modo capita che chi, per necessità o desiderio, voglia acquistarne uno non resti fregato.

Per la vendita:

  • Assicuratevi di cancellare bene tutti i dati: spesso i nostri smartphone conservano dati sensibili come password o altre informazioni che possono diventare davvero pericolose nelle mani di estranei.
  • Richiedete sempre prima il pagamento, prima di spedire.
  • Diffidate del contrassegno, in quanto può portare a pessime esperienze.
  • Nella spedizione evitate di specificare il contenuto del pacco, altrimenti diverrebbe facilmente preda di qualche corriere malintenzionato che lo darebbe per smarrito.
  • Assicurate il pacco almeno per un buon valore: per es. scrivete “Pezzi di ricambio” e assicuratelo per una cifra ragionevole, anche se non completa, almeno scoraggerà il corriere dal dichiararlo smarrito.

Per l’acquisto:

  • Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio: diffidate da metodi di pagamento bizzarri o “rateali”, scegliete i più sicuri, e soprattutto tracciabili. Ovvio che la cosa migliore sarebbe quella di incontrare di persona il venditore in modo da poter testare il corretto funzionamento dello smartphone.
  • Se decidete di acquistare a distanza: fatevi mandare decine di foto di ogni angolo del device e magari anche qualche video che ne testimoni l’integrità. In ogni caso se si riceve un prodotto molto diverso da quello richiesto o su cui ci si era accordati avete dalla vostra la possibilità di rimborso di Paypal o altre tutele, la legge sta dalla vostra!
  • Verificate tramite codice IMEI alcuni dati importanti: se lo smartphone è importato o ha garanzia Italia e se qualche volta è già stato in assistenza.
  • Richiedete la scatola originale e tutti gli accessori: soprattutto la prima è molto importante, altrimenti potrebbero sollevare problemi in assistenza negandovi persino la garanzia.
  • Stock o MOD: chiedete se lo smartphone ha il bootloader bloccato o meno.

 

Infine voglio ricordare che non esiste nessuna differenza tra una fattura per un acquisto online e uno scontrino rilasciato da un negozio fisico: riceverete comunque la garanzia. Esistono alcuni marchi che, addirittura, non considerano alcuna differenza tra garanzia ITA e EU e altri ancora che accettano anche cellulari con permessi di root abilitati (LG).

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.