Google Maps, nuove funzioni “social” con i luoghi preferiti

Google Maps, nuove funzioni “social” con i luoghi preferiti

Google ha da poco aggiornato la sua applicazione Maps per Android e iOS: da oggi sarà possibile salvare i propri luoghi preferiti in un elenco, condividerli o seguire gli elenchi di amici e familiari condivisi a loro volta. Il tutto senza mai uscire dall’applicazione mobile di Google Maps.

Il funzionamento è molto semplice: basta aprire l’app Google Maps ed individuare il luogo favorito, come ad esempio un luogo di interesse culturale che si desidera visitare. In seguito bisogna toccare il nome del luogo e poi l’icona “Salva” per aggiungerlo in uno degli elenchi preimpostati sull’app, ad esempio “Da visitare” e “Preferiti”. E’ inoltre possibile creare un elenco personalizzato con il nome che si preferisce.

Per tornare agli elenchi creati, sarà sufficiente selezionare la voce “I tuoi luoghi” nel menu laterale ed aprire le schede salvate. Le icone dei luoghi salvati negli elenchi compariranno sulla mappa, per verificare se ci si trova nei pressi di un punto di interesse salvato. Con la funzione di condivisione è inoltre possibile inviare il link della propria lista ad amici e parenti: chi riceverà il link potrà fare tap su “Segui” per attingere all’elenco dei luoghi preferiti ogni volta che ne avrà bisogno.

“Gli elenchi che decidete di seguire saranno sempre con voi all’interno di Google Maps, visibili sia da dispositivo mobile che da desktop, anche quando non avete connessione. La prossima volta che sarete in viaggio, scaricate in anticipo le mappe offline dell’area di vostro interesse per accedere direttamente dalla mappa ai luoghi che avete aggiunto agli elenchi. Grazie agli elenchi, potrete inserire su Google Maps luoghi di rilevanza storica, ristoranti, negozi e tanti altri punti di interesse. Avrete l’imbarazzo della scelta. Ora che abbiamo mappato tutto il mondo, tocca a voi mappare il mondo attraverso gli elenchi – dagli hotspot locali alla lista dei sogni con i luoghi che volete visitare nel mondo”, si legge nel blog ufficiale di Google.

Di seguito un video dimostrativo della nuova funzione: