Facebook, sempre più utenti si preoccupano per la privacy

Facebook, sempre più utenti si preoccupano per la privacy

C’è sempre meno privacy su Facebook. E gli utenti sono sempre più preoccupati, tanto che le richieste dei dati personali da parte del governo americano sono salite del 24% dalla seconda metà del 2013 alla prima metà del 2014. Anche le richieste per la restrizione e cancellazione di contenuti sono aumentate, del 19%. Tutti i dati sono stati rilasciati da un report di Facebook.

Nel dettaglio, 34946 richieste per ottenere dati personali sono state inviate dai governi di tutto il mondo da Gennaio a Giugno 2014.
Le richieste sono quasi tutte dovute a scopi di investigazione criminali e tutte giustificate legalmente. Mark Zuckerberg però deve affrontare i procedimenti d’accusa di circa 400 utenti che lamentano una violazione alla privacy e ai loro diritti costituzionali. In un comunicato stampa il vice direttore del settore legale di Facebook, Chris Sonderby, ha rassicurato gli utenti: “Esaminiamo attentamente ogni richiesta da parte del governo analizzando la sussistenza a livello legale, e respingiamo quelle non sufficientemente giustificate”. Ma evidentemente queste rassicurazioni non bastano.

Questo per quanto riguarda il governo americano. Le richieste giunte dall’Italia, invece, sono state 1.869, effettuate da 2.658 account, e Facebook ha rilasciato informazioni per una percentuale del 49,28%. I problemi sulla privacy sembra che non termineranno tanto presto

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.