ASUS ZenFone 4 accoglie la beta di Android 9 Pie

ASUS ZenFone 4 accoglie la beta di Android 9 Pie

Anche se in ritardo sulla tabella di marcia di alcuni mesi, ASUS prosegue il suo supporto agli smartphone già in commercio da qualche anno.

In particolare l’azienda con sede a Taiwan ha annunciato di aver rilasciato una versione Beta del sistema operativo Android 9 Pie per lo ZenFone 4 (ZE554KL), uscito ormai sul mercato nel 2017.

L’aggiornamento alla versione beta del nuovo sistema operativo pesa  complessivamente circa 1,73GB e non si tratta ovviamente di un download obbligatorio. ASUS permette infatti agli utenti di decidere se restare con l’attuale Oreo, oppure di scaricare Android 9 Pie in maniera manuale dal sito ufficiale del produttore.

Non sono stati forniti dettagli più specifici, ma è stata confermata la presenza delle patch mensili. Ovviamente è doveroso specificare che aggiornando Orea ad Android 9 Pie l’esperienza di utilizzo dello smartphone cambierà in maniera radicale.

Ecco le principali novità che introduce Android 9 Pie, anche se non è chiaro se tutto il changelog sia compreso nella beta di ASUS:

  • Una batteria adattiva che massimizza la carica della batteria dando la priorità alle app che l’utente probabilmente utilizzerà più avanti.
  • Nuova interfaccia utente per il menu delle impostazioni rapide.
  • L’orologio si è spostato a sinistra della barra di notifica.
  • Il Risparmio energetico non ha più una sovrapposizione arancione sulla barra di notifica e di stato.
  • Un pulsante “Screenshot” è stato aggiunto alle opzioni di accensione.
  • Angoli arrotondati nell’interfaccia utente grafica.
  • Nuove transizioni per il passaggio tra app o attività all’interno di app.
  • Notifiche di messaggistica più complete, in cui è possibile visualizzare una conversazione completa all’interno di una notifica, immagini in scala reale e risposte intelligenti simili alla nuova app di Google, Reply.
  • Supporto per i display arrotondati.
  • Slider del volume riprogettato, che ora si trova accanto al pulsante del volume fisico del dispositivo.
  • La percentuale della batteria ora è mostrata nel Always-On Display.
  • Migliorata modalità scura.
  • Funzionalità sperimentali (attualmente nascoste all’interno di un menu chiamato Feature Flags) come una pagina Informazioni su telefono ridisegnata nelle impostazioni e l’abilitazione del Bluetooth automatico durante la guida.
  • Supporto ad HEIF.
  • Una nuova interfaccia di sistema basata sulle gesture, simile a quella trovata su iPhone X e altri dispositivi.[16]
  • Switcher per app multitasking orizzontale, riprogrammato con barra di ricerca Google e app drawer integrato.
  • Una funzione “Digital Wellbeing” che scoraggia l’uso eccessivo del telefono che verrà lanciata ufficialmente sui telefoni Pixel nel quarto trimestre del 2018.
  • Una funzione “Shush” avvia la modalità Non disturbare quando il telefono è posizionato a faccia in giù, consentendo solo le notifiche dai contatti speciali.
  • Funzione di luminosità adattabile migliorata che modifica la luminosità dello schermo in base alle preferenze personali.
  • Nuova icona del pulsante Indietro nella barra di navigazione se è abilitata la navigazione gestuale.
  • Selezione tema manuale.
  • Il pulsante Blocco rotazione indica nella barra di navigazione se il dispositivo è in modalità di rotazione bloccata.
  • Aggiunge la mappatura del controller per il controller wireless Xbox One S.

 

Commenti Facebook